Imposte: fondi compensativi a favore di famiglie e imprese

BRA Due fondi compensativi utili per tanti beneficiari, che potranno così affrontare con maggior serenità le spese per le imposte locali. Il primo protocollo d’intesa, firmato dal Comune insieme alle confederazioni Cgil, Cisl, Uil, prevede un incremento della dotazione del “fondo compensativo pressione fiscale”, che passa dai 10mila euro del 2018 ai 12.500 per il 2019.
L’accordo fissa anche l’innalzamento della soglia dell’indicatore Isee funzionale all’accesso (da 17mila euro del 2018 ai 18mila, per le famiglie, e 19mila ,per i nuclei formati da una sola persona, per il 2019), eliminando ogni distinzione relativa alla tipologia di reddito e ampliando, di fatto, la platea dei possibili beneficiari. Il provvedimento – adottato allo scopo di favorire le famiglie che versano in condizioni di difficoltà economica – si impegna a mantenere inalterate, anche per il prossimo anno, le riduzioni previste in materia di Tari, Imu, Tasi e dell’addizionale comunale all’Irpef. Aumenta anche il fondo compensativo a favore delle imprese, che sono state maggiormente penalizzate dagli aumenti della tassa rifiuti nell’anno corrente: dai 15mila euro inizialmente stanziati, il fondo passa a 80mila euro. Come stabilito dal protocollo d’intesa sottoscritto dall’Amministrazione comunale e dalle associazioni di categoria maggiormente rappresentative delle attività produttive in città, dopo il confronto relativo all’applicazione della Tari.
L’accordo tra Comune e associazioni approva il disciplinare per la concessione di contributi a favore delle imprese maggiormente penalizzate, impegnando le parti anche alla massima collaborazione per la definizione in tempi rapidi delle pratiche connesse alla predisposizione delle istanze, della definizione delle graduatorie e della liquidazione.
Ulteriori informazioni si possono chiedere all’ufficio tributi, telefonando allo 0172-43.82.33; e-mail tributi @comune.bra.cn.it.

v.m.