Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Processo al medico ipnotista rinviato al 13 marzo 2019

ALBA È stato rinviato al 13 marzo 2019 il processo a carico del medico di famiglia albese M.V.S, di 56 anni, arrestato due anni fa dai carabinieri con l’accusa di aver abusato di alcune donne, dopo averle ipnotizzate, nel periodo che va dal 2012 al 2016. Il giudice del tribunale di Asti Giorgio Morando ha respinto le richieste di ulteriori perizie formulate dal legale dell’imputato, l’avvocato albese Roberto Ponzio, cui le parti civili si erano opposte. Il legale di S. ha quindi richiesto il giudizio abbreviato cosiddetto “secco”, in cui il giudice deve decidere allo stato degli atti.

Tre delle quattro presunte vittime degli episodi di violenza e molestie si sono costituite parte civile: la prima a denunciare il medico sostenendo di aver subìto atti sessuali contro la propria volontà con l’avvocato Stefano Tizzani del foro di Torino, le altre due con le avvocatesse Paola Coppa e Silvia Calzolaro del foro di Asti.

Adriana Riccomagno