Volto nuovo per piazza Castello a La Morra

LA MORRA «Sono lieta e orgogliosa di aprire e riconsegnare ai lamorresi la loro piazza», queste le parole del primo cittadino Marialuisa Ascheri, quando sabato 22 dicembre ha dato il via alla cerimonia di apertura di piazza Castello a La Morra. Chiusa dal mese di aprile per i lavori di riqualificazione, la piazza è stata presentata con un volto completamente rinnovato, moderno e accogliente. La pavimentazione, eseguita con pietre di Luserna disposte a raggiera, invita il visitatore a camminare nel grande spazio per arrivare ad affacciarsi alla terrazza panoramica in cui gli occhi si smarriscono nel mare ondulato di vigneti. A fare da cornice sono state allestite aiuole in cui al momento sono stati piantumati alcuni alberi ed è, inoltre, stata inserita anche una fontana a filo della piazza, che nei mesi più caldi renderà ancora più piacevole la permanenza in questo paradiso di Langa.

«La progettazione di questa piazza è stata studiata per renderla un luogo di aggregazione e di incontro, proprio come la si pensa nell’immaginario di aggregato urbano», commenta il sindaco, «un posto per tutti, con le scuole, la torre campanaria e la chiesa adiacente».

Il sindaco ha poi ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questa importante opera pubblica. Questa apertura di piazza Castello non è però l’inaugurazione ufficiale che si terrà in primavera, quando con la bella stagione sarà possibile creare aiuole fiorite e installare gli arredi urbani.

Inoltre sarà di nuovo inserito il busto di Giuseppe Gabetti, compositore della Marcia reale a cui è intitolata la banda musicale del paese. Ci sarà probabilmente uno spazio vuoto, quello dove avrebbe dovuto essere di nuovo collocato il monumento al vignaiolo, creato dall’artista Munciguerra e installato nel 1972. Alcuni giorni prima della festa, infatti, è stato oggetto di un furto e non è ancora stato ritrovato.

Manuela Malanzani