L’Avis premia i suoi donatori: Armando Verrua a quota 175

BRA La festa sociale dell’Avis braidese, targata 2019, si svolgerà domenica 24 febbraio, con un programma molto fitto. La giornata inizierà con il ritrovo dei partecipanti al santuario della Madonna dei fiori, per prendere parte alla Messa delle 10.30. Durante la funzione saranno benedetti gli attestati e le benemerenze che successivamente verranno consegnati ai donatori premiati. Alle 12, nei locali del ristorante La porta delle Langhe, nei pressi del casello autostradale di Marene, si svolgerà l’assemblea ordinaria degli associati Avis.
Dopo il saluto del presidente Armando Verrua, si passerà alla relazione sull’andamento della sezione comunale di Bra, all’approvazione del bilancio consuntivo e alla ratifica del preventivo finanziario; poi si dovrà votare l’adeguamento dello statuto alla nuova normativa per il terzo settore. Terminata questa prima parte, il momento atteso della premiazione dei donatori che hanno raggiunto traguardi importanti come numero di prelievi; a seguire il pranzo sociale, offerto gratuitamente a coloro che hanno effettuato una prima donazione nel corso del 2018, a tutti i premiati, a chi ha donato almeno due volte lo scorso anno, a chi ha raggiunto il traguardo delle 100 donazioni e ai bambini al di sotto dei 4 anni. Agli altri partecipanti è richiesto un contributo di 20 euro a chi ha donato una volta nel 2018 e agli ex donatori appartenenti al gruppo anziani (che diventano 30 per parenti, amici e sostenitori, mentre i bambini di età compresa tra i 4 e i 10 anni pagheranno 15 euro). Per le prenotazioni occorre recarsi nella sede di via Vittorio Emanuele, muniti di tesserino, oppure contattare Valentina Raffaele (333-68.22.586), Guglielmo Bertola (335-80.14.901) oppure Francesca Anselmo (335- 77.96.617).
I premiati con il maggior numero di donazioni sono: Armando Verrua (175 donazioni), Luigi Ramello (150), Goffredo Bosio, Alberto Bruno, Enrico Caula e Rinaldo Tealdi (100 donazioni ciascuno), Angelo Agrò, Federico Bertola, Roberto Canello, Giovanni Cavalleris, Cosimo Ferretti, Marco Fiorini, Domenico Gullino, Antonio Larocca, Guido Michelozzo e Maurizio Torta (75). Riconoscimenti anche a coloro che hanno raggiunto le 50, 24, 16 e 8 donazioni. <QM>v.m. La giornata inizierà con il ritrovo dei partecipanti al santuario della Madonna dei fiori, per prendere parte alla Messa delle 10.30. Durante la funzione saranno benedetti gli attestati e le benemerenze che successivamente verranno consegnati ai donatori premiati. Alle 12, nei locali del ristorante La porta delle Langhe, nei pressi del casello autostradale di Marene, si svolgerà l’assemblea ordinaria degli associati Avis.
Dopo il saluto del presidente Armando Verrua, si passerà alla relazione sull’andamento della sezione comunale di Bra, all’approvazione del bilancio consuntivo e alla ratifica del preventivo finanziario; poi si dovrà votare l’adeguamento dello statuto alla nuova normativa per il terzo settore. Terminata questa prima parte, il momento atteso della premiazione dei donatori che hanno raggiunto traguardi importanti come numero di prelievi; a seguire il pranzo sociale, offerto gratuitamente a coloro che hanno effettuato una prima donazione nel corso del 2018, a tutti i premiati, a chi ha donato almeno due volte lo scorso anno, a chi ha raggiunto il traguardo delle 100 donazioni e ai bambini al di sotto dei 4 anni. Agli altri partecipanti è richiesto un contributo di 20 euro a chi ha donato una volta nel 2018 e agli ex donatori appartenenti al gruppo anziani (che diventano 30 per parenti, amici e sostenitori, mentre i bambini di età compresa tra i 4 e i 10 anni pagheranno 15 euro). Per le prenotazioni occorre recarsi nella sede di via Vittorio Emanuele, muniti di tesserino, oppure contattare Valentina Raffaele (333-68.22.586), Guglielmo Bertola (335-80.14.901) oppure Francesca Anselmo (335- 77.96.617).
I premiati con il maggior numero di donazioni sono: Armando Verrua (175 donazioni), Luigi Ramello (150), Goffredo Bosio, Alberto Bruno, Enrico Caula e Rinaldo Tealdi (100 donazioni ciascuno), Angelo Agrò, Federico Bertola, Roberto Canello, Giovanni Cavalleris, Cosimo Ferretti, Marco Fiorini, Domenico Gullino, Antonio Larocca, Guido Michelozzo e Maurizio Torta (75). Riconoscimenti anche a coloro che hanno raggiunto le 50, 24, 16 e 8 donazioni.

v.m.