Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

54 milioni di euro per ospitare 1.700 richiedenti asilo in provincia di Cuneo

CUNEO 54 milioni di euro per ospitare in provincia di Cuneo 1.700 richiedenti asilo e protezione umanitaria per il 2019 e il 2020.

Cresce rispetto al 2018 il numero dei posti richiesti nel 2018 che erano 1.400, ma nulla a che vedere con gli anni scorsi, quando si erano superati i 2.500 posti richiesti. Il calo degli sbarchi ha imposto un taglio nel 2018 che continuerà nel 2019 e nel 2020.

Molte le novità introdotte dal Decreto sicurezza che tagliano i fondi per i richiedenti asilo e favoriscono strutture di grandi dimensioni, penalizzando le case di accoglienza.

Per i richiedenti asilo non sono, infatti, previsti i corsi di mediazione culturale, formazione e orientamento, ma nemmeno il fondamentale corso di italiano, imprescindibile per una futura occupazione dei richiedenti asilo.

Da 35 euro al giorno a persona si passa a quasi la metà con 21 euro al giorno per le strutture più grandi, 23 euro per quelle di medie dimensioni e 18 euro per le unità abitative. All’interno di questa cifra anche il pocket money, i 2,5 euro che effettivamente finiscono nelle tasche dei richiedenti asilo.

I posti sono 300 nelle unità abitative, 1.000 nelle strutture fino a 50 persone e 400 posti nei centri tra 51 e 80 ospiti. Solo 300 dei 1.700 posti sono riservati a donne o nuclei familiari.