Il castello di Mango cambia volto

MANGO Il castello dei Busca sarà oggetto di un importante progetto di ristrutturazione, reso possibile da un cospicuo finanziamento della Regione, che fa parte del programma di interventi in ambito culturale e turistico. Il maniero di Mango fu costruito nel XIII secolo. Alla fine del 1600, i marchesi di Busca lo trasformarono da fortezza di difesa in lussuoso palazzo per la residenza estiva del casato. Oggi, il castello è la sede dell’enoteca regionale del Moscato Il progetto di ristrutturazione e restauro del castello prevede un investimento complessivo di 900mila euro, con un contributo della Regione Piemonte di 750mila e la parte restante cofinanziata per 120mila euro dalla fondazione Crc e per 30mila da fondi dell’Amministrazione comunale.

Il piano prevede una riqualificazione completa dell’edificio, dal salone polifunzionale del piano terra sino ai locali del secondo piano e interesserà anche l’area esterna. L’intervento comporterà anche il rinnovo dell’edificio dal punto di vista energetico e la messa in sicurezza nel rispetto delle vigenti norme, con il rifacimento di tutti gli impianti, sia elettrici che di riscaldamento, nonché la sostituzione degli infissi e della pavimentazione.  «I lavori di riqualificazione daranno nuova vita al castello di Mango, rendendolo un polo di attrazione turistica e non solo, per tutto il territorio. Dopo il completamento della ristrutturazione si provvederà ad affidare la gestione di alcuni locali, per eventuali attività ricettive», spiega il sindaco di Mango Silvio Stupino.

Entro fine anno si procederà alla progettazione definitiva dell’intervento e successivamente verrà indetta una gara d’appalto europea.

Silvana Fenocchio