Liliana Allena candidata con la lista civica Per Alba Cirio

La presidente dimissionaria delle Ente fiera raccoglie in una nota le motivazioni della scelta

«Una sola cosa mi sta a cuore: lo sviluppo turistico della città di Alba. Lo dimostra il fatto che da quasi 15 anni, prima presso l’Ente turismo, poi con l’Ente fiera, mi occupo di promozione del territorio. E, da sempre, il mio è un profilo tecnico, lontano da logiche di partito, ma legato a un impegno civico.

Le motivazioni per le quali ho deciso di impegnarmi con la lista civica Per Alba Cirio sono due.

La prima dipende dal pensiero di poter fare asse con Alberto Cirio, che mi auguro possa essere il prossimo presidente della Regione Piemonte, per lavorare in sinergia rafforzando la centralità della nostra città nel sistema turistico del Piemonte, operando ancora meglio per la crescita della città di Alba e per la sua promozione.

La seconda parte dalla considerazione che, nell’ultimo periodo, sono venute meno le condizioni per poter continuare a svolgere al meglio il mio mandato: la mia visione e quella dell’Amministrazione comunale non sempre sono coincise, rispetto ai progetti per la città e il territorio. Alle sterili polemiche, che non appartengono al mio stile, ritengo opportuno rispondere citando alcuni numeri.

Le presenze in Langhe e Roero, nel periodo ottobre e novembre, sono passate da 154mila a 186mila, facendo registrare in 4 anni una crescita del 20%.

Il fatturato dell’Ente Fiera, dai 600mila euro del 2015, chiuderà il 2018 attestandosi intorno ai 2 milioni di euro, senza che sia variato di un solo euro l’apporto da parte del Comune: le maggiori risorse sono frutto di bandi pubblici, ulteriori sponsorizzazioni e grandi capacità di innovazione sviluppata in questi anni dal team dell’Ente fiera. A questo riguardo, quattro anni fa l’Ente poteva contare su un organico di tre persone, che oggi sono diventate cinque, ai quali va aggiunto anche il nuovo direttore, il cui ruolo – necessario e strategico per avere una struttura capace di offrire una continuità direzionale – era richiesto da tempo.

In questi anni ho lavorato – senza ricevere alcun compenso, ma anzi sottraendo del tempo alla mia attività imprenditoriale – per far crescere una squadra, e non certo per acquisire una visibilità personale.

Sarei felice di potermi ancora occupare di questo settore, contribuendo alla promozione del turismo e degli eventi albesi, lavorando su parole d’ordine quali bellezza, sostenibilità e qualità: per questo, nella mattinata di oggi, ho rimesso il mio mandato di presidente dell’Ente fiera nelle mani del sindaco e per questo ho ritenuto opportuno avviare un nuovo percorso, mettendomi a disposizione del progetto civico di Per Alba Cirio».