L’Ail di Cuneo festeggia i vent’anni di attività con una mostra e un libro

CUNEO Sabato 11 maggio, a partire dalle 10, all’auditorium Varco in piazza Foro Boario,  l’Ail di Cuneo, sezione “Paolo Rubino” festeggia i primi 20 anni di attività raccontando cosa è stato fatto dal 1999 a oggi in provincia per sostenere la ricerca e l’assistenza nella lotta contro le malattie del sangue. Nel corso della mattinata di festa, che ha per titolo “Vent’anni insieme per raccontarci e per ringraziarvi”, verrà prima dato spazio alle testimonianze dei medici del reparto di ematologia dell’ospedale Santa Croce di Cuneo e di alcuni degli oltre 400 volontari dell’associazione; quindi verrà inaugurata una mostra multimediale che resterà visitabile fino al 19 maggio nello spazio del Foyer Varco (apertura da lunedì a venerdì, dalle 14.30 alle 18.30, ingresso libero). Ai partecipanti inoltre verrà fatto dono di un libro che racconta la storia dell’Ail di Cuneo, realizzato appositamente per il ventesimo compleanno dell’associazione. Per questioni organizzative, chi vuole partecipare è invitato a confermare la sua presenza scrivendo a info@ail.cuneo.it o telefonando allo 0171-69.52.94. L’ingresso è libero.

L’Ail è un’associazione di carattere nazionale, costituita a Roma nel 1969 per sostenere la ricerca e l’assistenza nella lotta contro leucemie, linfomi e mieloma. Le sezioni l in Italia sono 81, sostengono le attività di  116 centri di ematologia e i volontari che vi operano sono oltre 16mila. La sezione di Cuneo è nata l’11 gennaio 1999 su iniziativa dei coniugi Rubino di Dronero, per reagire alla morte del giovane figlio Paolo, a cui è stata intitolata. Conta su circa 100 soci e 400 volontari e per realizzare i propri progetti si sostiene esclusivamente con donazioni private (Stelle di Natale, uova di Pasqua, 5X1000, donazioni spontanee). Da sempre collabora strettamente con il reparto di ematologia dell’Azienda ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo, polo ematologico di alto livello scientifico ed attualmente l’unico specializzato nella Granda.