Balon e terrazzamenti a Bosia nel giorno dell’Ancalau

Il murale dedicato a Manzo e Balestra che sarà inaugurato domenica mattina a Bosia.

BOSIA «Il premio Ancalau si svolge tutto in una giornata. Per questo il ritmo è serrato. Forse è il mio passato da bersagliere a spingermi a correre di qua e di là», dice il sindaco di Bosia Ettore Secco presentando la giornata di domenica 23. Sta di fatto che il premio incentrato sulle start up dei giovani da 18 a 35 anni, promosso da Oscar Farinetti e sostenuto da Banca d’Alba ed Egea, cresce di anno in anno.

È in omaggio alla Langa orgogliosa delle proprie radici, il primo appuntamento di domenica 23. Alle 9.45 ci sarà l’inaugurazione del murale dedicato ai campioni di balon Augusto Manzo e Franco Balestra. Per l’occasione, il cantautore Mauro Carrero presenterà la sua canzone Il re del Mermet. Alle 10.30, ci sarà il convegno Coltivare il paesaggio, al quale parteciperanno figure fondamentali dello studio e della cultura della pietra di Langa e dei terrazzamenti (Roberto Cerrato, Vittorio Delpiano, Marco Devecchi, Piercarlo Grimaldi e Donatella Murtas), ma anche personaggi come l’architetto-paesaggista Paolo Pejrone e il designer Giorgetto Giugiaro, che riceverà la Hall of fame del premio Ancalau.

Alle 11, nell’ex Municipio si terrà l’inaugurazione della mostra di video e fotografie dell’associazione Me Langa, mentre in piazza San Nazario ci sarà la premiazione del concorso artistico per le scuole sul tema della pietra e dei terrazzamenti. Alle 15 sarà assegnato il premio Ancalau local-global all’industriale Giuseppe Bernocco e alle 16.30 inizierà il momento clou della giornata: il premio Ancalau start up giovani (10mila euro messi a disposizione da Eataly), con i cinque finalisti che esporranno i loro progetti al pubblico e alla giuria, presieduta da Oscar Farinetti e composta dal presidente di Banca d’Alba Tino Cornaglia, dall’amministratore delegato di Egea Pier Paolo Carini, dal designer Giorgetto Giugiaro, dal presidente del Club degli investitori Giancarlo Rocchietti, da Vittorio Carnevali (anima dell’Incubatore delle imprese innovative del Politecnico di Torino) e dal produttore vinicolo Angelo Gaja. Inoltre Egea premierà con la pergamena Spirito Ancalau un piccolo negozio di paese che ha saputo resistere allo spopolamento e alla congiuntura economica.

«Facendo involontariamente torto alle tante altre celebrità presenti è utile ricordare che il premio Ancalau e gli ormai numerosi eventi collaterali hanno finalità semplici: mettere in evidenza i buoni esempi, premiare i meritevoli e indicarli, allenare alla competizione perché è parte essenziale della vita, esaltare l’esperienza formativa-pedagogica insita nella cultura popolare langarola», dice Silvio Saffirio, uno degli autori del premio Ancalau con il sindaco Ettore Secco e Oscar Farinetti.

Per tutta la giornata, in paese ci sarà una mostra-mercato di eccellenze enogastronomiche e artigianali; si esibiranno anche musicisti e cantastorie. Infine, dalle 18, merenda sinoira con cibo, vino e la musica di Radio Vallebelbo, che trasmetterà in diretta tutta la manifestazione.

Fabio Gallina