Una fabbrica di solidarietà che ha bisogno di tutti noi

ALBA Esistono progetti che danno un nome a chi non ha nome e che sperimentano nuove coesistenze. L’emporio solidale di corso Piera Cillario ha molteplici volti: quello di un negozio che aiuta nella sola città di Alba circa 1.200 persone in temporanea difficoltà economica, quello di uno spazio animato da decine di volontari, quello di un luogo di corresponsabilità solidale in cui l’utente viene ingaggiato in un percorso attivo per fronteggiare la difficoltà. L’emporio incarna anche un meccanismo economico e produttivo alternativo, che consente a panettieri, supermercati e aziende dell’Albese di non sprecare il cibo donando ciò che altrimenti verrebbe buttato. È, infine, un’opportunità formativa per i ragazzi delle scuole, anche loro coinvolti nel recupero del cibo delle mense. A inizio giugno, dopo due anni dall’inaugurazione, per il progetto è il momento di fare il punto della situazione e incontrare la cittadinanza che lo sostiene.

Don Gigi Alessandria appende il cartello dell’emporio solidale di corso Cillario che ad Alba offre sostegno a numerose famiglie in seria difficoltà.

Spiega don Gigi Alessandria, direttore della Caritas diocesana di Alba: «Caritas ed emporio invitano tutti all’evento di chiusura del progetto sostenuto dalla Compagnia di San Paolo attraverso il bando Fatto per bene 2017 e realizzato con la collaborazione del comitato S-Nodi-Agenzia di innovazione per la riduzione della povertà. Il progetto ha rappresentato un’opportunità per attivare la riflessione e la partecipazione dei diversi portatori di interesse rispetto all’emporio della solidarietà e al valore che concorre a generare per tutta la comunità territoriale – beneficiari, donatori, enti promotori e partner, volontari e cittadini –, finalizzato a esplorarne tutte le potenzialità, attivare percorsi di maggiore consapevolezza e corresponsabilità e promuoverne la visibilità. Vi aspettiamo martedì 11 giugno alle 16.30 nella sala convegni di Banca d’Alba in via Cavour 8. Sarà un modo per condividere con enti e associazioni del territorio scenari, processo e risultati del progetto».

All’incontro interverranno il direttore della Caritas diocesana di Torino Pierluigi Dovis e Anna Zumbo del comitato S-Nodi. Durante il pomeriggio verrà proiettato il video L’emporio è molto di più! e illustrata la mostra fotografica “L’emporio è un luogo in cui…”. Per avere informazioni o confermare la partecipazione è possibile telefonare al numero 333-13.70.932 o scrivere all’indirizzo info@emporiocaritasalba.it

Durante l’evento sarà anche possibile capire come aiutare concretamente l’emporio albese, sotto forma di donazioni oppure di intervento a titolo volontaristico: la complessa macchina solidale ha infatti bisogno di tutti per continuare a funzionare.

Matteo Viberti