Intorno a Tesi nascerà un grande polo digitale

Oltre a un campus, saranno ospitate aziende e start-up capaci di portare nuove competenze al nostro territorio

BRA Dall’ufficio del fondatore Giuseppe Pacotto, oggi amministratore delegato dell’azienda Tesi Spa, al terzo piano del palazzo di vetro che si trova in frazione Roreto di Cherasco, all’imbocco della tangenziale braidese, si vedono prati, campi e qualche casa. Presto però vi sorgeranno un campus, una nuova ala dell’azienda e degli spazi comuni.

Quella che è stata pensata come una grande piazza collaborativa, nella quale si interconnettono persone, tecnologie e processi, sta per ingrandirsi. Grazie a un progetto pluriennale – che va di pari passo con le previsioni di importanti analisti, a livello mondiale, che raccontano di un settore, quello informatico, con una crescita del 55 per cento nei prossimi 10 anni – sta per nascere un vero e proprio polo digitale in quest’area che si trova alle porte delle Langhe e del Roero.

Giuseppe Pacotto Ad della Tesi Spa

Tesisquare destina il 9 per cento degli utili agli investimenti in innovazione. Spiega l’Ad Pacotto: «Tutti siamo abituati a sentire parlare di distretti industriali oppure artigianali, ma non di distretto digitale. Noi intendiamo con questa iniziativa costruirne uno digitale, che sarà avviato a breve con la realizzazione di un campus e che si concluderà, fra qualche anno, con l’ulteriore ampliamento della sede operativa della Tesi».

Poi aggiunge: «Intorno alla nostra sede centrale vorremmo poter radunare altre aziende e start-up che esprimano idee brillanti, capaci di portare nuove competenze e quindi un valore aggiunto al nostro territorio, così da caratterizzarlo ulteriormente come polo di attrazione per le nuove figure professionali del settore. In concreto, quello che insieme agli architetti stiamo progettando in questi mesi, è un intervento urbanistico modulare che sorgerà – a partire dal prossimo autunno – nei terreni vicini all’azienda, tra la chiesetta di San Bernardo e la grande estensione di campi limitrofi. Nel futuro prossimo invece sarà previsto un ampliamento dell’attuale edificio che oggi ospita Tesisquare, con la successiva realizzazione di spazi comuni di collegamento tra il campus e l’azienda».

Con un occhio all’ambiente: l’intero complesso sarà una struttura fortemente innovativa, ma molto attenta alle tematiche ambientali, e integrata nel paesaggio. È allo studio anche una pista ciclabile, che connetterà sia Bra che Roreto di Cherasco con una bretella che porti anche alla sede centrale di Tesisquare, un luogo che vedrà successivamente la realizzazione di un parco con annessa area giochi, che potrà essere utilizzato da tutto il territorio. Conclude Pacotto: «Prima della fine dell’anno, vorremmo presentare l’intero progetto alle comunità di Bra e Cherasco, nelle quali Tesisquare affonda le sue radici».

Valter Manzone

Previsto fatturato di quaranta milioni di euro nel bilancio dell’anno corrente

Ha la sede legale a Bra, quella centrale a Roreto di Cherasco, ma se ne incontrano anche a Torino, Milano, Padova, Genova, Bologna e Roma; all’estero invece Tesisquare è presente a Barcellona, Amsterdam, Monaco e Parigi. Su una pagina del sito aziendale, laddove si parla di una «crescita guidata dal successo dei clienti» si evince, dal grafico, che la stima per l’anno corrente è quella di un fatturato da 40 milioni di euro. Basti pensare che nel solo trimestre gennaio-marzo i documenti fattura sono stati oltre 15 milioni, pari all’intero transitato dell’anno 2017, con l’attivazione di più di 260 aziende clienti. Le proiezioni a fine 2019 indicano un totale di oltre 50 milioni di documenti fattura (quasi 165mila ogni giorno), contro i 17 milioni del 2018; si parla dunque di oltre 100 milioni di transazioni correlate al “fenomeno” fatturazione elettronica. Questi numeri si vanno a sommare agli altri volumi di transazioni digitali già gestiti da Tesi e-Integration, portando a un totale stimato, a fine 2019, non inferiore a 250 milioni di transazioni. Tesisquare vanta clienti di caratura internazionale come Pepsi Cola, Bayern, Ferrero, Total Erg, Danone, solo per citarne alcuni fra quelli più importanti.

v.m.