Dislessia: mezzi uguali non sono uguaglianza. C’è la settimana nazionale

È in corso la quarta edizione della Settimana nazionale della dislessia organizzata dall’Associazione italiana dislessia (Aid) in concomitanza con la European dyslexia awareness week promossa dalla European dyslexia association (Eda).

L’iniziativa prevede un articolato programma di eventi di informazione e sensibilizzazione su tutto il territorio nazionale, organizzati a livello locale da oltre mille volontari di oltre 80 sezioni provinciali del sodalizio. Tema della manifestazione di quest’anno è “Diversi e uguali: promuoviamo l’equità”.

La sezione cuneese dell’associazione, presieduta da Giuliana Chiesa, mamma residente a Serralunga, organizza come ogni anno un convegno, che si tiene nell’aula magna dell’Istituto Vallauri di Fossano sabato 12 ottobre dalle 9 alle 13.

«Tutti siamo, allo stesso tempo, uguali e diversi: abbiamo tutti gli stessi diritti, ma ognuno di noi ha le proprie caratteristiche. Le persone con disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa), ad esempio, hanno un diverso modo di imparare o di svolgere il proprio lavoro, ma hanno lo stesso diritto di poterlo fare rispetto a chi non ha necessità di utilizzare i loro stessi strumenti. Basta guardarci per capire che siamo tutti diversi, ed è proprio questa la nostra ricchezza più grande: l’importante è rispettarla e rispettare gli uguali diritti di ciascuno. Purtroppo spesso ci si trincera dietro il concetto di uguaglianza come criterio di giustizia, ma nulla è più ingiusto che far parti uguali tra disuguali, come sosteneva don Milani. L’unico contrappeso che può equilibrare il binomio “diversi e uguali” è l’equità: permettere a ciascuno di raggiungere la propria meta utilizzando gli strumenti e le strategie che gli sono più funzionali, in base alle sue esigenze», spiega Chiesa.

Il titolo dell’evento in programma a Fossano sarà proprio “Equità: si apprende a scuola?”; parteciperanno il pedagogista e professore di storia dell’educazione all’Università di Torino Giorgio Chiosso, Eugenio Nicoli, docente esperto di sistemi educativi dell’Università Cattolica di Brescia, il dirigente e presidente dell’Associazione dirigenti scuole autonome e libere Ezio Delfino e lo psicologo Roberto Lingua, esperto in Dsa, che si interrogheranno  sull’equità e se questa trovi la giusta centralità nella scuola di oggi sia come aspetto educativo che come strategia di insegnamento, e su quali strategie possano fare la differenza per rendere la scuola ancora più equa e inclusiva. L’incontro è a ingresso libero, gratuito e aperto a tutti.

La sezione Aid di Cuneo è particolarmente attiva e propone mensilmente serate aperte di divulgazione e di sensibilizzazione sui Dsa, e formazione ai docenti delle scuole della Granda sulle metodologie e strategie per l’apprendimento di tutti. Per ulteriori informazioni telefonare al numero 3350127724 o scrivere a cuneo@aiditalia.org. Il sito web dell’associazione è cuneo.aiditalia.org.

Adriana Riccomagno