Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Rinvenute una granata e due pistole nei boschi di Monteu Roero

MONTEU ROERO Si erano da poco concluse, verso le 19 di sabato 28 settembre, le operazioni di brillamento della granata a mano (di produzione americana secondo le prime indicazioni) e, nei boschi di Monteu Roero teatro operativo delle formazioni partigiane durante la Resistenza, gli uomini del 32esimo Reggimento Genio Guastatori di Fossano stavano effettuando l’ispezione nell’area circostante il luogo del rinvenimento del residuo bellico.

Ad attirare l’attenzione dei militari uno zaino aperto, all’interno due pistole e munizionamento di vario genere. Le due armi da fuoco sono state immediatamente sequestrate e avviate verso i laboratori per test approfonditi circa la provenienza e gli impieghi. Le pistole sono risultate, infatti, inidentificabili: su una il numero di matricola era illeggibile, l’altra addirittura ne era sprovvista.

A un primo, sommario esame non sembra abbiano sparato di recente e le condizioni del ritrovamento inducono i Carabinieri a ipotizzare siano state abbandonate da tempo, s esclude si tratti di armi risalenti allo stesso periodo della granata inesplosa.

Davide Gallesio