Ivano Martinetti (Movimento 5 stelle): Il servizio idrico resti pubblico

TORINO Ivano Martinetti, consigliere regionale del Movimetno 5 stelle ha presentato un’interrogazione in Consiglio regionale per fare chiarezza sul progetto di dividere in due l’Ato  4 della Provincia di Cuneo consegnandone la metà ai privati. «Molti amministratori hanno parlato apertamente e in sedi istituzionali di questa prospettiva ma sono ancora troppi i buchi neri nella vicenda. In Regione Piemonte non esiste un solo atto formale che vada in questa direzione», spiega l’albese. «Non risulterebbe agli atti nemmeno una dichiarazione da parte di un qualsivoglia esponente della Giunta regionale o della maggioranza. Eppure, stando alle ricostruzioni di alcuni amministratori, si sarebbero susseguite in queste settimane riunioni più o meno formali, per certi versi “carbonare”, mirate a spacchettare in due l’autorità di governo delle acque in provincia di Cuneo».

«Cosa c’è di vero e cosa di falso?», si chiede Martinetti. «È grave adottare un metodo per nulla trasparente per riformare un servizio fondamentale che riguarda migliaia di cittadini della Granda. Vogliamo chiarezza, per questo interrogheremo la Giunta in occasione del prossimo Consiglio regionale previsto martedì prossimo».

«Da sempre pensiamo sia fondamentale mantenere pubblico il servizio idrico. E siamo in buona compagnia, concorda con noi il 95% dei cittadini italiani che nel 2011 andò alle urne per evitare la cosiddetta “privatizzazione dell’acqua”. Un concetto sottoscritto a chiare lettere da oltre il 70% delle amministrazioni comunali del territorio che si sono espresse nel marzo 2018. Se qualcuno in Regione Piemonte intende spacchettare in due l’Ato per affidare la metà ai privati, lo dica chiaramente. Non esiteremo a rivolgerci alla Corte Costituzionale, ed a tutte le sedi competenti, per far valere un principio sacrosanto e condiviso dalla stragrande maggioranza dei cittadini italiani», conclude il consigliere regionale.