Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Addio a Giovanni Battista Fissore, reduce di Russia e fondatore della Faber

Giovanni Battista Fissore – 99 anni – uno degli ultimi reduci di Russia, è deceduto l’altro ieri a Bra. Alpino della prima ora, era stato molto segnato da quella triste pagina di storia vissuta nella steppa russa. Sempre presente ai raduni, sfoggiava con orgoglio la lunga penna nera. A distanza di 50 anni dalla tragedia della Russia, aveva promosso la realizzazione del monumento all’interno del cimitero cittadino, realizzato dallo scultore Gioacchino Chiesa. Finita la guerra, con la moglie Rosina Mollo (scomparsa ormai da qualche anno), aveva creato la Faber, un’azienda che era passata dalla conduzione familiare ad essere leader in Italia nella produzione di corsetteria. Negli anni Ottanta, la crisi che coinvolse tutto il settore porterà anche l’azienda a chiudere i battenti. Il funerale del commendatore Giovanni Battista Fissore, che lascia il figlio Franco e la nuora Mirella, le nipoti Fabiana e Francesca e la sorella Caterina, si svolgerà martedì 21 gennaio, alle 10, nella parrocchia di San Giovanni, a Bra.

Valter Manzone