Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Gorzegno: pietra di Langa e balon per il rilancio del paese

Il sindaco Marco Chinazzo ha illustrato il programma di iniziative al Museo diocesano di Alba.

GORZEGNO Ruota attorno alla salvaguardia dei ruderi del castello e si sviluppa tra pietra di Langa, magia e balon il progetto di rilancio turistico-culturale di Gorzegno presentato la scorsa settimana al Museo diocesano di Alba. Il sindaco Marco Chinazzo, eletto da poco più di sei mesi, ha detto: «Gorzegno stava morendo, ma vuole rinascere. L’obiettivo è salvare il castello e riqualificare il centro storico, che oggi è in gran parte disabitato». Obiettivi ambiziosi e difficili da raggiungere per un paese di 270 abitanti, ma che non spaventano un ultramaratoneta come Chinazzo.

Per provare a concretizzare il desiderio di rinascita del suo paese, Chinazzo ha affidato l’assessorato a cultura e turismo a Romano Vola, ex sindaco di Bergolo e ideatore delle tante iniziative che nei decenni scorsi hanno dato visibilità al più piccolo Comune di Langa. Il progetto, denominato Un paese che rinasce, coinvolge anche lo studioso Giordano Berti, Letizia Rivetti (art designer) e il geometra Gian Fenoglio. Il primo appuntamento sarà il 30 e 31 maggio, con Il paese delle pietre parlanti, un percorso nelle vie del centro che avrà come protagonista la pietra di Langa, usata in molti edifici. Anni fa, si era anche pensato di realizzare a Gorzegno un museo della pietra, costruendo una struttura dai costi elevati che non è mai entrata in funzione. Ora l’Amministrazione vuole ribaltare la prospettiva, portando il museo all’esterno in modo da renderlo fruibile 365 giorni all’anno. «La pietra di Langa è più bella all’aperto. Il museo non serve», ha spiegato Vola, annunciando che, tra le “pietre parlanti”, ci saranno anche i muretti a secco, che circondano il paese, oltre ovviamente ai ruderi del castello, che il Comune ha già iniziato a cercare di salvare, come abbiamo scritto alcune settimane fa.

In estate, al centro dell’attenzione ci sarà la pantalera, tornata ad affacciarsi lo scorso anno sulla piazza del paese con la disputa di un torneo. Gorzegno vanta una solida tradizione nel balon, con diversi giocatori che hanno militato o militano tuttora in Serie A, ma il punto di vista scelto da Chinazzo e Vola non è soltanto quello agonistico. L’obiettivo è di portare alla ribalta questa disciplina con un convegno sulla pantalera e sulle discipline sferistiche italiane simili alla pallapugno, con il coinvolgimento delle scuole in attività di ricerca e con l’allestimento di una mostra con documenti, immagini e oggetti legati alla pantalera.

Infine, ai primi di settembre il paese ospiterà il Festival delle magie, iniziativa che spazierà tra musica, teatro, installazioni multimediali e spettacoli di illusionismo.

L’obiettivo del progetto è di valorizzare l’identità storica di una località che per troppo tempo è stata vista dai turisti soltanto attraverso i finestrini delle auto in transito sulla provinciale. Ora, la scommessa è di riuscire a portarli in paese attraverso proposte di qualità.

Corrado Olocco