Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Grande successo della mostra di Ugo Nespolo in Banca d’Alba

ALBA Il partecipatissimo vernissage del 25 ottobre a Palazzo Banca d’Alba lasciava già presagire la bontà del progetto, ma le migliaia di persone che hanno visitato la mostra “Inno alla gioia” negli ultimi due mesi attestano un successo al di sopra delle già alte aspettative.

Nel periodo autunnale di fiera e quello natalizio oltre 15mila persone hanno potuto ammirare cinquanta opere organizzate come un’antologica del lavoro di Nespolo (reduce dal recente grande successo al Palazzo Reale di Milano) attraverso tecniche e materiali eterogenei che contraddistinguono la volontà eclettica dell’Artista. Sono oltre 50 le scuole del territorio che hanno accolto l’invito di Banca d’Alba a visitare la mostra del Maestro. Per ognuna delle classi coinvolte, la banca ha messo gratuitamente a disposizione visite guidate a cura del personale dell’agenzia Itinera, che ha accompagnato oltre 1.600 ragazzi in un percorso ricco di numeri e colori.

L’artista Ugo Nespolo all’inaugurazione della mostra

Il Palazzo Banca d’Alba, ormai riconosciuto come uno dei siti nevralgici per l’offerta culturale al territorio, ha ospitato l’arte di Nespolo in tutte le sue forme: opere tradizionali e quadri realizzati con la tecnica dell’intarsio, arazzi, ricami, maioliche dipinte, vetri muranesi, bronzi e sculture in poliuretano espanso.  È stata inoltre dedicata una sezione ai libri d’artista, per i quali Nespolo ha sempre riservato un’attenzione specifica considerandoli vere e proprie opere d’arte.

Il Presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia commenta: «Banca d’Alba, con questa mostra prestigiosa, ha voluto confermare il proprio impegno nella promozione di attività socio-culturali, riconoscendone l’apporto significativo allo sviluppo territoriale. Banca d’Alba negli anni ha promosso e ospitato molteplici iniziative in campo artistico: dall’esposizione de Il martirio di San Lorenzo di Tiziano Vecellio, passando per il situazionismo di Pinot Gallizio fino ad arrivare alla mostra multidisciplinare Ibrida per il venticinquesimo anniversario di Artissima».

L’associazione culturale Giulio Parusso, presieduta da Roberto Ponzio, è stata parte attiva sin dalla nascita del progetto: «Il connubio tra il talento di un sommo artista e l’impegno di una grande banca nella promozione di attività socio-culturali non poteva che generare un evento straordinario. Lo certificano senza ombra di dubbio la strepitosa affluenza di pubblico, l’entusiasmo suscitato dell’iniziativa ed il procurato lustro territoriale».

Il maestro Ugo Nespolo ha manifestato il suo apprezzamento per l’esito della mostra: «Mi fa piacere che la mia mostra abbia contribuito a far amare l’arte, che non è un elemento inutile della vita, non è un optional, ma è anzi parte integrante della vita reale. E sono felice che tutti i giorni scolaresche e giovani abbiano visitato la mostra perché l’arte bisogna che passi il testimone da chi l’ha fatta a chi la farà, forse, o comunque a chi la saprà apprezzare. Sono orgoglioso di avere contribuito a portare colore e bellezza a questo meraviglioso territorio».