Morto dopo quattro anni trascorsi in stato vegetativo a causa di un’aggressione

CASTIGLIONE TINELLA Da quattro anni si trovava in stato vegetativo, conseguenza delle percosse subite in una rissa che lo aveva opposto ai vicini di casa, nel centro langarolo, il 28 marzo del 2016: è morto lunedì 28 gennaio Gorancho Gjorgiev, 41 anni bracciante agricolo; dal giorno dell’aggressione non aveva più ripreso conoscenza.

Per le gravi lesioni inflitte, il Tribunale di Asti, lo scorso anno aveva condannato i fratelli Betea, anch’essi lavoratori agricoli residenti nello stesso condominio. Per Adrian e Valentin Ioan viste le accuse di tentato omicidio e rissa i magistrati avevano disposto una pena di 8 anni di reclusione, un anno di carcere con sospensione della pena per Alin Florin il terzo fratello. La stessa assise penale aveva disposto il versamento di una provvisionale di 100mila euro per la vittima altrettanti per la moglie e 50mila euro a testa per i figli, somme che, a quanto affermano i famigliari del deceduto, non sono ancora state versate dagli imputati. La circostanza del decesso cambia il quadro indiziario a carico dei fratelli Betea: l’iter penale verrà bloccato al secondo grado di giudizio e si aprirà un nuovo processo per l’imputazione di omicidio.

Davide Gallesio