Palio di Asti: cambia di nuovo la formula

Immagine di repertorio

ASTI Dopo l’edizione straordinaria del 2019, il Palio di Asti è pronto a cambiare di nuovo formula. Nel 2020, infatti, la manifestazione tornerà a caratterizzarsi per 21 partecipanti, suddivisi in tre batterie da sette. Dopo una serie di incontri e di momenti di confronto tra i vari soggetti interessati, si è giunti, nei giorni scorsi, a un accordo economico tra il capoluogo astigiano e i sindaci dei sette Comuni che prenderanno parte all’evento (Nizza, Canelli, San Damiano, Moncalvo, Castell’Alfero, Montechiaro e Baldichieri). Sarà quindi abbandonata l’impostazione alla base dell’ultima edizione, che aveva previsto una corsa dei borghi e dei rioni e una corsa dei Comuni, con due vincitori.

L’idea di un doppio Palio era stata adottata per celebrare i 1.900 anni dal martirio di San Secondo, patrono della città. Nell’occasione, avevano trionfato rispettivamente il rione Cattedrale (che non vinceva l’ambito drappo dal 1977) e il Comune di Baldichieri.

In attesa di assistere alla prossima edizione, è stata intanto resa nota la data dell’evento, in programma per domenica 6 settembre 2020. E se in quell’occasione il Palio tornerà ad avere 21 partecipanti, voci provenienti da addetti ai lavori ipotizzano, nel prossimo futuro, possibili novità dietro l’angolo, cui si starebbe già lavorando, per quanto riguarda l’aspetto organizzativo e gestionale dello storico evento.

Manuela Zoccola