Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

La Guarda di finanza di Fossano scopre fatture false per 700mila euro

FOSSANO Non si ferma l’azione preventiva e repressiva del Comando provinciale della Guardia di finanza  contro tutti gli illeciti economico-finanziari che si manifestano nel territorio della Granda. Nei giorni scorsi, i finanzieri della Tenenza di Fossano hanno sottoposto a sequestro, finalizzato alla successiva confisca, oltre 360mila euro, individuati sui conti correnti di una società avente sede nella provincia di Torino, ma con unità operative nella provincia di Cuneo. Il sequestro, eseguito su delega dei magistrati del Tribunale di Torino, scaturisce dall’esito di una verifica fiscale, svolta dai finanzieri fossanesi,  dalla quale è emerso che gli amministratori della società, operante nel settore dell’automazione, avevano utilizzato un ingente quantitativo di fatture emesse da altri soggetti, per prestazioni mai rese. L’indebito profitto della condotta criminosa realizzata dai due soci, nell’arco di tre anni, è stato quantificato in oltre 360mila euro, a fronte di costi indebitamente dedotti di oltre 700 mila euro, appunto utilizzando fatture false.

Gli amministratori della società sono stati denunciati a piede libero, in quanto responsabili di aver utilizzato fatture per operazioni oggettivamente inesistenti, sfruttando il conseguente vantaggio per abbattere, indebitamente, il carico fiscale della propria società.