Coronavirus: fermata Apecar Vergnano, stop colazione a casa

TORINO Niente più colazione a casa con Caffè Vergnano. L’Apecar che da qualche giorno sfrecciava nel centro di Torino per consegnare espresso e brioche è stata fermata dalla polizia municipale, che ha multato la nota azienda perché, a suo dire, non si tratterebbe di un vero servizio di consegna a domicilio.

La multa, 5 mila euro, suscita per questo motivo amarezza in Carolina Vergnano: «Caffè Vergnano è dotata di regolare licenza di somministrazione», spiega interpellata dall’Ansa. «A seguito di un primo parere espresso da funzionari comunali era emerso che non fosse necessario richiedere e ottenere una Scia cosiddetta itinerante, posto che la consumazione del caffè sarebbe avvenuta al di fuori del luogo di preparazione del medesimo, vale a dire tramite consegna a domicilio. Abbiamo anche chiesto un parere all’Assessorato comunale, dopo alcune polemiche suscitate per la grande visibilità ottenuta, ma purtroppo è arrivato dopo il fermo della polizia municipale».

La polizia municipale è stato di parere differente: «Speriamo che il Comune renda più agevole la burocrazia perché questi progetti sono il futuro», conclude Carolina Vergnano, convinta che il significato di questa iniziativa – quello di una azienda capace di rinnovarsi nell’emergenza dando un segnale a tutti i bar, oltre che agli imprenditori in generale – non venga meno.
Ansa