Grinzane: via libera ai lavori per mettere in sicurezza il torrente Talloria

GRINZANE CAVOUR Si continua a lavorare per preservare il territorio da altri danni di origine meteorologica. Il 5 settembre scorso, un forte temporale aveva provocato gravi problemi idrogeologici ad Alba e Grinzane Cavour, con numerosi allagamenti. In particolare, a Grinzane, era stata colpita Piana Gallo, con il crollo di un muretto in cemento armato di difesa dell’alveo del Talloria, in prossimità di via Cavour. Con l’ultima delibera comunale, approvata prima del decreto sull’emergenza coronavirus, era stato deciso di intervenire per la sistemazione idrogeologica sul torrente Talloria, mediante il ripristino della funzionalità del muro di sponda.

Si prevede la realizzazione di una scogliera, utilizzando i massi derivanti dalla dismissione della parete a secco provvisoria realizzata in via d’urgenza a seguito del crollo del muro. L’intervento prevede la rimozione della porzione di muro crollata, la demolizione della parte danneggiata, lo smantellamento della parete a secco e la costruzione di una nuova sponda in cemento armato lunga 35 metri. Completano i lavori la realizzazione di una scogliera lunga 6 metri, con l’utilizzo dei massi derivanti dalla dismissione del muro a secco, sulla sponda destra, a circa 150 metri a monte della zona interessata dal crollo.

L’investimento complessivo di 64.150 euro è finanziato dal Comune di Alba, già responsabile della costruzione in origine del muretto di contenimento. La progettazione delle opere strutturali, la direzione lavori e il coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori sui torrenti Talloria, Riddone e Cherasca, sono state affidate all’ingegner Sergio Sordo. La verifica dei manufatti sul Talloria è in carico all’ingegner Davide Adriano. Afferma il vicesindaco Moreno Cavalli: «Sono d’accordo sulla questione della sicurezza, ma vorrei fare una puntualizzazione: Alba, come capofila del progetto, si è presa carico di anticipare l’investimento di un’opera che aveva già realizzato dopo l’alluvione del 1994. Il Comune di Grinzane ha dovuto impegnare la stessa cifra, proveniente dall’avanzo di bilancio, ossia denaro dei contribuenti, in attesa di ricevere un finanziamento dalla Regione o da un altro ente. Al Comune di Alba la somma deve essere restituita nel biennio 2020-2021. Questo va a rallentare eventuali nuove opere sul territorio del nostro Comune».

Aggiunge Cavalli: «Sicuramente i soldi arriveranno, ma credo che la formula di restituzione della somma potesse essere più dilazionata. È giusto contribuire, ma in modo più collaborativo, soprattutto tra Comuni confinanti».

Livio Oggero