Le precisazioni del comune di Alba sull’abbattimento dei due cedri dell’Enologica

ALBA Sono arrivate al Comune di Alba in queste ore numerose segnalazioni in merito all’abbattimento dei due cedri all’ingresso della scuola enologica Umberto I in corso Enotria.

Si ritiene utile ripercorrere quanto avvenuto, per rendere partecipe la cittadinanza.

La dirigente dell’istituto scolastico, Antonella Germini, preoccupata per lo stato di salute degli storici esemplari, aveva richiesto una perizia alla Provincia di Cuneo, ente che ha competenza su tutti gli edifici della scuola secondaria superiore.

La relazione ha purtroppo evidenziato la necessità di un intervento immediato che la Provincia ha disposto e programmato per questa settimana, informando il Comune, per la necessaria messa in sicurezza della strada durante i lavori.

«Dalle informazioni che la Provincia ha trasmesso al Comune di Alba – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Massimo Reggio – è risultato che le due piante sono in osservazione periodica da molti anni e, dalle indagini dettagliate eseguite a gennaio 2020 da professionisti specializzati mediante analisi fitopatologica, è emersa una condizione di pericolo grave e imminente di caduta al suolo che non lascia spazio a possibilità di rimedio e conservazione, determinando la conseguente necessità di abbattimento urgente. I cedri hanno subìto un progressivo “svuotamento” interno del fusto, con crescita di nuova vegetazione nel tronco, e una elevata marcescenza delle radici non curabile che ne ha compromesso la stabilità».

Tutti gli articoli sui cedri dell’Enologica

«La stato di salute dei due cedri (un terzo era già stato abbattuto alcuni anni fa) è compromesso», ha annunciato in una nota Antonella Germini, dirigente scolastica dell’Istituto superiore Umberto I di Alba. «I due alberi, con un fusto di oltre venticinque metri, sono già notevolmente inclinati verso il corso su cui si affacciano e un eventuale schianto colpirebbe non solo la via, ad altissima frequentazione, ma anche le abitazioni antistanti».