Carlo Bo annuncia ufficialmente: “La Fiera del Tartufo non sarà annullata”

FIERA DEL TARTUFO La Fiera internazionale del Tartufo bianco non sarà annullata. Lo annuncia ufficialmente a Gazzetta il sindaco Carlo Bo.

Il primo cittadino spiega: «Ho incontrato nei giorni scorsi il presidente dell’Ente Turismo Luigi Barbero e la presidente dell’Ente Fiera Liliana Allena. Nonostante la situazione attuale gli operatori rimangono ottimisti e fiduciosi in una ripartenza del turismo in autunno. Questo non vorrà dire che sarà possibile organizzare una Fiera del Tartufo come quella degli anni scorsi. Il format andrà rivisto. Dopo il 3 giugno cercheremo di capire quando riapriranno i confini e ci regoleremo di conseguenza. A meno di una nuova esplosione della pandemia la Fiera si terrà, decideremo se confermare i due mesi di lunghezza o se ridurre la durata. Quello che è certo è che sarà una fiera di transizione, in attesa del 2021 che sono convinto sarà un anno eccezionale per il turismo».

Il sindaco non si sbilancia, ma pare invece molto difficile che possano tenersi il Palio degli asini e il Baccanale, grandi eventi di popolo organizzati con passione e un enorme lavoro dai borghi. Difficile pensare che a ottobre l’emergenza Coronavirus sia passata al punto da consentire eventi con assembramenti di migliaia di persone.

Per questo la Fiera 2020, in tono minore, la 89 e mezzo più che l’edizione numero 90, potrebbe essere limitata ad alcuni eventi all’aperto, a un mercato del tartufo da rivedere e all’Asta del Tartufo, l’unico appuntamento che ci sentiamo di dire, verrà confermato al 100%.

Con l’intenzione di lanciare un segnale il sindaco Bo annuncia a Gazzetta che il comune verserà interamente la quota che compete alla città del Tartufo all’Ente Turismo per il gettone di presenza, nonostante l’assenza di arrivi e presenze durante l’emergenza Covid-19: «Vogliamo lanciare un segnale che speriamo possa essere replicato da tutti i comuni dell’Atl Langhe, Monferrato, Roero. In un momento come questo è fondamentale non tagliare risorse alla promozione turistica, solo così potremo tornare ad attrarre turisti da tutto il mondo sul nostro territorio», conclude il primo cittadino.

Marcello Pasquero