Pininfarina presenta Tuc: sarà possibile personalizzare la propria auto e arredarla a piacimento

Tuc, la tecnologia che permette di personalizzare l’auto dallo smartphone e di “arredarla” secondo il proprio gusto, “è pronta a sbarcare sul mercato”. Lo hanno spiegato Ludovico Campana e Sergio Pininfarina, figlio di Andrea e nipote del noto designer e carrozziere torinese, che nel progetto hanno investito finora 1,5 milioni di euro. Campana e Pininfarina hanno presentato, in anteprima mondiale con una Digital World Premiere in streaming, la versione pre-industrializzata di Tuc.Technology, implementata su una piattaforma elettrica Volkswagen.

Si tratta di un’infrastruttura semplice ma rivoluzionaria, che trasforma l’auto in una piattaforma e consente personalizzazione e modularità. Il brevetto di invenzione industriale è perfettamente compatibile e funzionante con qualsiasi veicolo. L’uscita pubblica del primo prototipo è prevista al Museo dell’Automobile di Torino dal 10 al 13 settembre.

“Il programma Techstars – spiega Sergio Pininfarina – ci ha aiutato tantissimo, è stata come l’esplosione di una bomba.

Abbiamo conosciuto centinaia di persone in tre settimane. Un respiro internazionale che ci serviva davvero”. L’emergenza sanitaria non ha fermato i progetti di Tuc, startup sviluppata in I3P – Incubatore d’imprese innovative del Politecnico di Torino. “Il Covid ci ha spaventato- Era previsto il lancio alla Nuvola Lavazza, un momento cruciale. Siamo però riusciti a reinventarci anche grazie ai nostri partner, come Lavazza e Sabelt. Abbiamo chiesto di unire le forze e di convogliare tutto sotto l’aspetto digitale”, racconta Campana. “Questo sistema – sottolinea Pininfarina – è talmente modulare che può essere dispo0sto, secondo le esigenze del veicolo o del costruttore, in migliaia di modi differenti. Siamo pronti finalmente a poter vendere le licenze di questo brevetto rivoluzionario ai costruttori di veicoli e di componenti. Abbiamo grandi partner con cui siamo riusciti a dimostrare il funzionamento della tecnologia Tuc e molte realtà sono già interessate all’utilizzo”.

Ansa