La ferrovia Cuneo-Ventimiglia è in testa alla classifica provvisoria dei Luoghi del cuore del Fai

AMBIENTE A oggi il luogo in Piemonte al primo posto della classifica provvisoria dell’iniziativa I luoghi del cuore, promossa dal Fai  (la classifica completa è su www.iluoghidelcuore.it) è la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza, una straordinaria opera dell’ingegno umano che sfida i limiti fisici (in meno di 50 chilometri in linea d’aria supera un dislivello di mille metri) per creare un ardito collegamento tra territori e nazioni, pensata e realizzata quasi due secoli fa per unire l’Italia alla Francia, il Piemonte alla Liguria, i monti al mare, la pianura alla costa.  Nonostante la sua spettacolarità e l’utilità per tutte le persone che ne usufruiscono, dagli anni Ottanta del Novecento la linea ferroviaria non è stata sufficientemente valorizzata e sostenuta. Malgrado i considerevoli investimenti per la sua messa in sicurezza, è mancata una vera e propria politica di rilancio, con un inevitabile declino e una drastica riduzione delle corse (attualmente due al giorno), ma anche un’incombente minaccia di chiusura, acuita dalla doppia gestione italiana/francese. Eppure questa è la “Ferrovia delle meraviglie”, inserita nel 2016 dalla rivista tedesca Hörzu tra le dieci linee ferroviarie più belle del mondo. I tre comitati: Amici del treno delle meraviglie, Amici della ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza e Amis du train des merveilles auspicano, attraverso I luoghi del cuore, un potenziamento della linea ferroviaria e la sua valorizzazione.

Tra i siti piemontesi più votati troviamo anche il Lago d’Orta, la Sacra di San Michele, il trenino Biella-Oropa (attivo fino al 1958; oggi sul tracciato su cui si sviluppa un sentiero pedonale), i casoni dei Risciotti, antichi essicatoi in disuso nell’Alessandrino e l’ospedale e la chiesa di Ignazio Gardella ad Alessandria.  Si può votare fino al 15 dicembre.