La Finanza di Torino sequestra 100mila bottiglie di liquori importate illegalmente

TORINO Le indagini iniziate nelle settimane del lockdown dai baschi verdi del capoluogo regionale si sono concluse nei giorni scorsi con il deferimento di due imprenditori di origini rumene. Frode in commercio e a abuso edilizio i reati contestati: gli uomini della Guardia di finanza hanno sequestrato, in un deposito nel quartiere Mirafiori, collegato alla società di import-export gestita dai due denunciati, 100mila bottiglie di superalcoolici prodotti in Romania attraverso la distillazione di grano, munite di etichette contraffatte, importate e rivendute eludendo le tasse del Monopolio di Stato.

Le bottiglie finivano sugli scaffali di vendita accanto a prodotti regolari in modo da confondere e ingannare i clienti.

Nello stesso deposito sono stati sequestrati anche 70 chilogrammi di alimenti congelati in cattive condizioni di conservazione. Durante le perquisizioni le Fiamme gialle, inoltre, hanno appurato che il lussuoso quadrilocale nel quale vivevano i due indagati nei pressi del sito di stoccaggio non era accatastato.

Davide Gallesio