Domani festa di santa Chiara alle Clarisse, oggi celebrazione del transito di Chiara d’Assisi

BRA città francescana per la preziosa e plurisecolare presenza delle Clarisse si prepara alla festa di santa Chiara d’Assisi,  fondatrice della comuntà, che è viva e attiva nella preghiera e nel servizio ai più poveri.

Ecco il programma del triduo e della festa. Sabato 8 agosto,  alle 17 il Rosario e alle 17.30 celebrazione di Vespro e Messa; domenica  9 alle 8.30 Messa, alle 17 il Rosario e alle 17.30 il Vespro; lunedì 10 agosto ore 17 Rosario a cui seguirà la Messa e la celebrazione del transito di santa Chiara. I predicatori del triduo sono i fratti minori di Canale. Per le norme anti pandemia, la capienza massima sarà di 40 posti.

Martedì 11 agosto nella  festa liturgica di santa Chiara: alla sera Rosario alle 17 a cui seguirà alle 17.30 la solenne concelebrazione della Messa.  È un accostarsi in punta di piedi: la morte dei santi palesa il mistero d’amore verso il quale sono attratti dal Dio della vita. Le fonti parlano in modo sobrio dell’11  agosto 1253, giorno della morte della santa.  Le sue ultime parole riportate manifestano riconciliazione interiore, che sgorga da un costante atteggiamento di fiducioso abbandono al Signore.

È di questi giorni l’appello che le sorelle Clarisse hanno rivolto attraverso una lettera aperta sul problema dell’accoglienza e dei migranti: i nuovi poveri che i santi di Assisi si sarebbero sicuramente interessati. Ma anche una comunità che nel corso degli anni è cresciuta grazie a nuove vocazioni alla vita claustrale: in mondo lacerato dall’indifferenza e dalla crisi di vocazioni un esempio di come la preghiera per le vocazioni, fatta in modo instancabile produca frutti abbondanti.

«Dal 1° agosto sarà anche attivo il nuovo e rinnovato sito web delle clarisse in cui ci siamo anche noi al seguente indirizzo: www.federazioneclarisse.com», spiega suor Maria Amata. «Anche le suore di clausura sono tecnologiche!».

Lino Ferrero