Dove eravamo rimasti? Al via il corso di storia organizzato dalla CGIL a Cuneo

CULTURA/DIDATTICA La CGIL di Cuneo ripropone il corso di #lezionidistoria, bruscamente interrotto e congelato nel mese di marzo dal lockdown.

Ricominciamo dalla proposta culturale e didattica, che quest’anno era stata programmata in contesto più ampio del solito, provinciale, multidisciplinare e compreso nel progetto nazionale della Scuola del Popolo.

Ricominciamo dal punto in cui ci eravamo fermati, la presentazione del progetto nato con l’ambizione di aprire le Camere del lavoro alla cittadinanza, e rilanciamo con le lezioni di storia tenute dal professor Paolo Burzio , giunte al loro secondo ciclo didattico.

Il calendario delle lezioni prevede incontri serali, ogni giovedì alle ore 18 nella sede della CGIL in Via M.Coppino 2 bis a Cuneo, a partire dall’8 ottobre con il primo incontro che si occuperà della prima guerra mondiale.

Si proseguirà con la rivoluzione russa, l’età dei totalitarismi, i passaggi cruciali che hanno portato alla seconda guerra mondiale e una interessante lezione monografica sulla guerra civile spagnola.

La seconda parte del corso tornerà sulla seconda guerra mondiale e la successiva trasformazione europea, dalla ricostruzione delle identità nazionali alla nascita dell’Italia Repubblicana, dalla guerra fredda alla caduta del muro di Berlino. I due ultimi incontri del 10 e 17 dicembre saranno l’occasione per guardare oltre e soffermarsi sulle stragi dimenticate del 900, Armenia e ex Jugoslavia, sulla storia di due conflitti che hanno attraversato, concluso e traghettato, nel nuovo secolo e in modo diverso, i paesi coinvolti.

Per iscriversi al corso occorre inviare mail a organizzazione@cgilcuneo.it o telefonare a 0171.452511,  si precisa che i primi appuntamenti si svolgeranno in videoconferenza.