Giro d’Italia e raccolta differenziata: Asti è salita sul podio

AMBIENTE Se il Giro d’Italia continua a regalare vincitori a sorpresa, con il britannico Tao Geoghegan Hart che ha avuto la meglio succedendo a Richard Carapaz, non sono più una sorpresa i numeri fatti registrare da Ride green, il progetto di sostenibilità legato alla raccolta differenziata promosso da Rcs sport in collaborazione con la cooperativa Erica di Alba. Un progetto che si conferma vincente con 45.254,24 kg di rifiuti recuperati, di cui l’89% differenziati e avviati al riciclo, dati in linea con il trend di crescita fatto registrare nelle prime quattro edizioni del progetto, seppur in un contesto reso meno accessibile dall’emergenza Covid-19.

In un evento che si è svolto oggi on-line sono stati presentati i risultati ufficiali del Giro d’Italia e premiate le città di tappa che si sono contraddistinte nell’iniziativa. I Comuni che alla partenza hanno raccolto il maggior quantitativo di rifiuti differenziati sono stati: Lanciano (95,26%), Mileto (94,33%) e Castrovillari (93,64%). I Comuni che all’arrivo hanno raccolto il maggior quantitativo di rifiuti differenziati sono stati: Sestriere (93,03%), Milano (90,63%) e Asti (89,89%). Menzioni speciali sono andate al gruppo di volontari Valdidentro (che durante la tappa con arrivo ai Laghi di Cancano, ha presidiato le aree adiacenti al passaggio della corsa e nei giorni successivi ha pulito la salita che  portava all’arrivo) e al Comune di Matera e Cosp tecnoservice per aver partecipato più attivamente al progetto, sviluppando attività durante e dopo la sesta e settima tappa.

Roberto Cavallo, amministratore delegato della cooperativa Erica, ha sottolineato: «Anche in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, crediamo che valori come la sostenibilità ambientale non debbano essere messi in secondo piano. E proprio per questo, ancora con più energia e voglia di lanciare un segnale, abbiamo voluto proporre per il quinto anno consecutivo Ride green. Siamo orgogliosi che Rcs sport ci abbia concesso la sua fiducia e siamo felici che partner come Eurosintex, Greentire, Corepla e Ricrea ci abbiano accompagnato lungo il percorso. Mi preme sottolineare come anche questa edizione di Ride green, secondo i dati emersi da una nostra analisi, abbia evitato circa 200mila chili di Co2: in pratica le emissioni assorbite annualmente da 10mila alberi!».