Il Gruppo fotografico albese devolve ad Asava e Croce rossa i fondi raccolti con il crowfunding

Immagine di repertorio

ALBA Il Gruppo fotografico albese ha deciso di offrire un aiuto concreto a coloro che da mesi stanno combattendo il coronavirus in prima linea per salvaguardare la nostra salute.  «Ad aprile abbiamo attivato una campagna di raccolta fondi a favore di Asava e della delegazione Cri di Alba con l’intento di sostenere e aiutare delle persone speciali che si prendono cura della collettività, senza fare distinzioni di età, sesso, etnia», spiega Roberto Magliano presidente del Gfa.  «Questi soggetti, che non esito a definire i nostri angeli custodi, hanno sofferto la carenza di protezioni e di fondi per poterli acquistare, soprattutto durante la prima ondata della pandemia, mettendo a repentaglio la loro incolumità. Insieme ai miei colleghi del direttivo e ai soci abbiamo deciso di dimostrare la nostra vicinanza nel modo più concreto possibile, effettuando una donazione a due associazioni che sono sempre attive sul territorio per garantire il trasporto e l’assistenza dei malati. La raccolta fondi, iniziata sul sito web di crowdfunding GoFundMe, si è conclusa  il mese scorso con un  ricavato  di  2.900 euro che si sono sommati ai 2.000 euro donati all’inizio dal Gfa.  Ogni associazione ha ricevuto 2.450 euro. Sono certo che con questa iniziativa abbiamo interpretato il sentimento comune di tutti i nostri soci e vorrei ringraziare personalmente tutti quanti hanno donato sulla piattaforma».

«Sono stati mesi duri e impegnativi in cui abbiamo visto tanta sofferenza ma altrettanta solidarietà, stima e vicinanza da parte di molte persone» dice Daniele Blengio, presidente dell’associazione Asava. «Mesi in cui ci siamo impegnati, e continueremo a farlo, al fine di svolgere al meglio il nostro servizio a favore della collettività. Questo è stato possibile anche grazie al prezioso contributo del Gruppo fotografico albese che desidero ringraziare, a nome mio, del direttivo e dei volontari Asava».

«Il contributo del Gruppo fotografico albese ci sta aiutando a coprire le spese aumentate a dismisura in questo periodo di emergenza Covid-19», spiega Luigi Aloi, presidente del comitato di Alba della Croce rossa- «Per questo motivo al Gfa va il nostro ringraziamento per il prezioso sostegno e la generosità.  È importante continuare a collaborare e sentirci comunità, essere ancora più determinati nel rispettare le regole perché adottando tutte le misure di sicurezza a protezione di noi stessi, di tutta la popolazione e a sostegno del nostro lavoro».

Bruna Bonino