La fondazione Crc organizza attività online sulle mostre temporaneamente chiuse ad Alba e Cuneo

ARTE Al via un calendario di appuntamenti online organizzato per rendere fruibili a distanza le esposizioni William Kentridge, Respirare ad Alba ed E luce fu. Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta a Cuneo. Si comincia sabato 5 dicembre alle 16 con un laboratorio in diretta online per bambini e ragazzi, per scoprire le magie dei raggi di luce e fare esperimenti con le ombre, a cura dell’associazione La scatola gialla. Per ulteriori informazioni e iscrizioni: mostraelucefu@gmail.com; 388-11.62.067, www.fondazionecrc.it. A seguire un’attività dedicata alle scuole, giovedì 10 dicembre, e un secondo laboratorio per bambini e ragazzi, sabato 19 dicembre. A tutti coloro che si iscriveranno ai due laboratori pomeridiani sarà inviato a casa un omaggio per passare un Natale all’insegna dell’arte e della creatività.

Nell’ambito della collaborazione col Museo d’arte contemporanea del castello di Rivoli, volta a promuovere nel territorio cuneese la conoscenza di grandi artisti conosciuti a livello internazionale, nel mese di dicembre si terrà un programma di conversazioni online per conoscere gli artisti e le opere in mostra. Il programma di dettaglio sarà pubblicato sul sito della fondazione Crc: www.fondazionecrc.it

«Le mostre sono chiuse al pubblico ma la cultura non si ferma» dichiara il presidente della fondazione Crc Giandomenico Genta. «Per questo motivo, nell’ambito delle iniziative espositive inaugurate negli scorsi mesi, proponiamo un programma di attività laboratoriali online rivolte a bambini e ragazzi e stiamo organizzando per le prossime settimane una serie di incontri con artisti internazionali. In attesa che le mostre, appena le condizioni generali lo permetteranno, possano riaprire al pubblico, un modo originale per far vivere a bambini e adulti le emozioni che solo l’arte sa regalare».

Gli appuntamenti

Sabato 5 dicembre Ra e il gatto nero. Esperimenti di luci e di ombre: alle 16 dagli spazi appositamente allestiti presso l’ex ospedale Santa Croce a Cuneo sarà trasmesso un laboratorio in diretta: fari, lenti, prismi e colori permetteranno di creare e sperimentare vere e proprie meraviglie di luce. Nella prima parte dell’incontro verrà presentato lo spazio del laboratorio, i tipi di luce che si utilizzeranno, gli strumenti di lavoro e le attività che si svolgeranno. Nella seconda parte verrà proposta e realizzata, in diretta insieme ai ragazzi collegati, un’attività: ogni partecipante, da casa, potrà realizzare un piccolo manufatto o un esperimento con cui continuare a giocare nei giorni successivi. Gli operatori, grazie alla diretta, potranno supportare i ragazzi nella realizzazione dell’attività a distanza.

Giovedì 10 dicembre Luci naturali, luci artificiali: alle ore 11 un laboratorio in diretta online per le classi della scuola primaria. Il laboratorio darà la risposta, in forma chiara e divertente, ad alcune domande sulla luce, sulle differenze tra quella naturale e quella artificiale e su come le nostre conoscenze influiscano sulla percezione del mondo. Nel corso dell’incontro verrà presentato il lavoro di alcuni artisti che utilizzano la luce come materia per creare le proprie opere e saranno forniti alcuni spunti laboratoriali da sviluppare in classe.

Sabato 19 dicembre Quasi buio: alle ore 16 si tiene una lettura animata online e in diretta con Elisa Dani e gli operatori de Il laboratorio della luce, cui seguirà un’esplorazione dietro le quinte. Nella prima parte dell’incontro l’attrice leggerà ai bambini un racconto di fantasia che narra la nascita del teatro delle ombre, quando con la testa sul cuscino e in una camera quasi buia si possono incontrare animali, personaggi buffi o avventurosi e inventare tante storie avendo a disposizione un muro, poca luce e tanta fantasia. Contemporaneamente, sullo schermo alle sue spalle allestito nel laboratorio della luce, appariranno le ombre e le luci che accompagneranno la storia. Nella seconda parte Elisa Dani dialogherà con i bambini per condividere le emozioni e i pensieri suscitati dal racconto. Nella terza parte gli operatori de Il laboratorio della luce sveleranno i trucchi con cui sono state realizzate le ombre e inviteranno i ragazzi a fare i propri esperimenti da casa.

Le attività avranno una durata di un’ora e sono rivolte a bambini a partire da sei anni di età.

Per informazioni e iscrizioni: mostraelucefu@gmail.com; 388-11.62.067.