La fiera Iolavoro diventa tutta digitale: incontri tra domande e offerte di impiego

IN PIEMONTE Iolavoro, la più importante fiera italiana dedicata all’incontro tra offerte e richieste di impiego, si rinnova e diventa totalmente virtuale. Appuntamento il 2 e 3 dicembre, dalle 10 alle 18,  online sulla piattaforma www.iolavoro.org.

Rispetto alle 23 edizioni precedenti, ospitate in luoghi fisici, tra cui Alba nel marzo del 2019 e a Bra nel febbraio 2020, Iolavoro digital edition  si rinnova nella modalità, mettendo a disposizione uno spazio fieristico virtuale che sfrutta tutte le potenzialità offerte dalla tecnologia. L’obiettivo resta però quello di sempre: continuare a garantire gratuitamente ad aziende e candidati il più importante luogo di incontro tra domanda e offerta di lavoro.

La due giorni digitale offre alle persone in cerca di impiego la possibilità di consultare le offerte, candidarsi e sostenere colloqui e alle aziende l’opportunità di presentarsi, inserire le ricerche di personale, pianificare e realizzare colloqui, entrando  in contatto con candidati.

Il programma della manifestazione prevede una ricca proposta di incontri, workshop e webinar tematici focalizzati su politiche del mercato del lavoro a livello locale, nazionale ed europeo (stage e contratti di lavoro, incentivi al reclutamento, mobilità), strumenti di ricerca attiva del lavoro, orientamento professionale, opportunità di formazione e riqualificazione, mondo della formazione e istruzione professionale.

Previsto inoltre uno spazio virtuale dedicato ai servizi regionali finalizzati alla creazione d’impresa e al lavoro autonomo, all’orientamento e alla certificazione delle competenze.

Cos’è Iolavoro

Organizzata da Agenzia Piemonte lavoro e promossa da Regione Piemonte, Assessorato all’istruzione, lavoro, formazione professionale, diritto allo studio universitario, è realizzata con i finanziamenti del Fondo sociale europeo.

Nata nel 2005, Iolavoro si è affermata negli anni come esperienza di successo, imponendosi come occasione per sostenere giovani e meno giovani nell’orientamento, nell’ingresso o reinserimento nel mercato del lavoro, in ambito nazionale e internazionale, e come vetrina per le aziende per presentare le proprie vacancy, selezionare e incontrare più candidati nello stesso luogo.

Alcuni numeri: 23 edizioni regionali e 30 locali; decine di migliaia di rapporti di lavoro sottoscritti (10% circa a tempo indeterminato, 40% circa a tempo determinato); 25% la percentuale di partecipanti che entro 4-5 mesi trova occupazione a seguito della manifestazione; oltre l’80% il tasso di gradimento dei partecipanti. Questi risultati fanno di Iolavoro la più grande job fair sul territorio nazionale.

I servizi per le aziende

Le aziende, gli enti accreditati ai servizi per il lavoro e gli intermediari autorizzati che si sono iscritti possono beneficiare di una ricca e innovativa offerta di servizi gratuiti: promuovere il proprio brand su webinar dedicati e una fitta rete di canali; pubblicare online gli annunci dei profili ricercati presso una platea di migliaia di potenziali candidati; usufruire di un innovativo sistema di smart matching, basato su algoritmi che sfruttano l’intelligenza artificiale; beneficiare di strumenti innovativi per selezionare i profili più rispondenti; incontrare i candidati dentro spazi virtuali configurabili secondo le singole esigenze (live streaming di colloqui liberi, con selezione preliminare o in modalità combinata).

I servizi per le persone

I candidati in cerca di lavoro possono partecipare virtualmente all’evento senza spostarsi da casa. Iscrivendosi a Iolavoro digital edition possono consultare le offerte di lavoro, inviare la propria candidatura, sostenere colloqui in diretta live con i recruiter delle imprese e seguire le presentazioni aziendali in modo interattivo con l’utilizzo di chat dedicate.  Per i candidati le iscrizioni si sono aperte il 9 novembre.

 

Elena Chorino assessore regionale all’istruzione, lavoro, formazione professionale, diritto allo studio universitario

«Nonostante il periodo di enorme difficoltà che stiamo vivendo a causa della pandemia che colpisce duramente il nostro Paese ‒ dichiara Elena Chiorino, assessore regionale all’istruzione, lavoro, formazione professionale, diritto allo studio universitario ‒ proponiamo questa nuova edizione di Iolavoro, adatta alla contingenza del momento, con la determinazione di ottimizzare l’incrocio tra la domanda e l’offerta di lavoro del nostro territorio e delle nostre imprese.

L’obiettivo è ampliare la visione dei Centri per l’impiego e valorizzare l’orientamento professionale per consentire ai nostri giovani di scegliere consapevolmente il giusto percorso in relazione alle potenzialità occupazionali del territorio, e nello stesso tempo intercettare le esigenze, da parte delle aziende, di personale qualificato e formato per essere competitive nel mercato di riferimento».

 

«Sono fiduciosa che anche quest’anno l’edizione di Iolavoro ‒ commenta Federica Deyme, direttrice di Agenzia Piemonte lavoro ‒ sarà all’altezza delle precedenti. Infatti la versione digitale non soltanto garantisce la sicurezza e il rispetto della normativa anti Covid, ma sfrutta al meglio il potenziale messo a disposizione dalle tecnologie, garantendo a tutti, aziende e persone, uno spazio virtuale dove incontrarsi. Auguro a questa edizione gli ottimi risultati di sempre e formulo ai partecipanti i miei auguri di successo nella loro ricerca».

Eventi collaterali

Iolavoro digital edition sarà anche la cornice di Orientamento ai mestieri WorldSkills che avrà uno spazio virtuale dedicato e darà la possibilità di conoscere da vicino, con finalità di orientamento, undici mestieri professionali: acconciatore, cameriere, cuoco, estetista, falegname, grafico, hotel receptionist, meccanico d’auto, muratore, pasticciere, sarto.  WorldSkills è il movimento internazionale che si pone, fra gli obiettivi, il miglioramento degli standard della formazione e dell’istruzione nelle attività professionali e la promozione delle attività di orientamento nelle scelte formative.

Agenzie formative e istituti tecnici professionali, che offrono percorsi didattici affini agli undici mestieri indicati, possono iscriversi e creare un proprio stand virtuale all’interno dello spazio WorldSkills. Sono invitate a partecipare anche le sette fondazioni Its, istituti tecnici superiori, con i loro percorsi di alta specializzazione tecnica.