Vangelo e Rosario oltre che per lo spirito anche per il corpo

SALUTE Dedicare tempo alla preghiera potrebbe essere un toccasana, non solo per lo spirito, ma anche per la salute. A dimostrarlo non è la cieca fede in Dio, ma sempre più numerosi studi scientifici che hanno trovato nella preghiera inaspettati effetti benefici sulla nostra salute.

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Pavia e pubblicato sull’autorevole British medical journal, ha scoperto che recitare il Rosario abbassa il ritmo respiratorio in modo da migliorare l’attività cardiaca e l’ossigenazione del sangue con conseguente abbassamento della pressione.

Altri studi dimostrano come avere fede e praticarla, migliori la condizione psicologica e quindi la ricettività della cura. Ovviamente molti scettici dicono che è solo un placebo e questi studi non dimostrerebbero nulla di concreto. Di certo c’è che la preghiera, a qualunque religione si appartenga, non ha effetti collaterali.

Per questo, in un momento storico così provato dalla malattia e dalla sofferenza, le Edizioni San Paolo propongono CoronaSalus e il Vangelo, un kit curato da don Renzo Sala, grande come una scatoletta di antibiotici, al costo di 6,90 euro, all’interno del quale troviamo piccoli sussidi per la preghiera: un Vangelo per essere supportati dalla parola di Dio, un libretto guida per la recita del Rosario, una corona per affidarsi alle braccia consolanti della Vergine e un’immaginetta con la preghiera di affidamento a Maria di papa Francesco.

Contro la malattia occorre reagire certamente con le cure appropriate, ma c’è un atteggiamento decisivo e di fondo con cui affrontarla ed è quello della fede.

Walter Colombo