Vittime dell’amianto: Marnati, la bonifica è una priorità

L'assessore regionale all'ambiente Matteo Marnati.

ASTI  L’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati  è intervenuto al webinar “Tour delle buone pratiche città amianto zero”, che oggi, giornata mondiale delle vittime dell’amianto, ha fatto tappa ad Asti. «Il tema dell’amianto è prioritario per questa Giunta: in Piemonte abbiamo il sito di interesse nazionale di Casale Monferrato che ricomprende 48 comuni che vivono ancora una situazione drammatica, e l’amiantifera di Balangero. Proprio in questi giorni stiamo lavorando per trovare ulteriori fondi da destinare a iniziative per l’amianto. In Piemonte, per quanto riguarda gli edifici pubblici, c’è una situazione particolare e ci sono ancora richieste che ci arrivano da alcuni sindaci che segnalano la presenza di amianto nelle scuole. E proprio in considerazione di questo stiamo pensando all’apertura di un nuovo bando. L’importante è che vi siano progetti portati a definizione per utilizzare i fondi europei», ha detto Marnati.

Alle vittime dell’amianto, l’assessore ha rivolto un pensiero ricordando la complessità della patologia, il mesotelioma, per il quale oggi non c’è ancora una cura. Per quanto riguarda la bonifica dell’amianto del territorio non compreso nei siti di interesse nazionale di Casale Monferrato e di Balangero, continua l’attività di assegnazione di contributi da parte della Regione, che ha recentemente disposto la destinazione delle risorse statali per la bonifica di scuole e ospedali all’azienda ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo, alle scuole primarie Montalcini, Jona e Rodari a Bra, alla bonifica di un edificio scolastico a Castellamonte, alla scuola Enrico Fermi di Castiglione Torinese, a una primaria di Chieri, a due scuole di Novara (Bollini e Opera Pia Negroni), a una palestra e un’aula magna sempre a Novara, all’asilo nido Banzi di Venaria Reale, a una palestra scolastico a Pettinengo e all’istituto Cobianchi di Verbania.
Per l’avvio di ulteriori interventi di rimozione dell’amianto è recente l’approvazione da parte della Giunta dei criteri di assegnazione di contributi, per un totale di 802mila euro, a Comuni e Atc per le operazioni di bonifica. Per quanto riguarda invece i siti di Casale Monferrato e Balangero, la Regione sta lavorando con il Ministero della transizione ecologica alla stipula dei nuovi accordi di programma per la bonifica.