Gioco d’azzardo, il nuovo disegno di legge all’esame delle commissioni

Immagine d'archivio

LUDOPATIA Il Consiglio regionale accelera sull’approvazione del nuovo disegno di legge sul gioco d’azzardo patologico e inizierà domani pomeriggio (martedì 1° giugno) nella seduta congiunta delle commissioni economia, sanità e legalità del Piemonte l’esame del disegno di legge sul gioco presentato dalla Giunta regionale. La levata di scudi delle associazioni, del mondo cattolico e di giornali indipendenti, come Gazzetta d’Alba, non sembra aver intaccato i piani della maggioranza di centrodestra, decisa a mettere mano all’attuale legge regionale.

Il Consiglio ha detto sì alla richiesta di dichiarazione d’urgenza presentata dalla Giunta per il nuovo Ddl e punta a portarlo in aula, dopo un rapido esame da parte delle commissioni, il 22 giugno, a tempo di record. La proposta di legge numero 99, affossata da oltre 65mila emendamenti presentati dall’opposizione nelle settimane scorse, ha fatto scuola e ora la maggioranza punta a un’altra strategia, passando attraverso il disegno di legge.

La richiesta di dichiarazione d’urgenza avanzata dall’Esecutivo ha l’effetto di accorciare notevolmente l’iter per l’approvazione della legge. In questo modo sarà possibile arrivare al via libera definitivo entro fine giugno.

Il consigliere leghista Andrea Cerutti: «Non era scontato, non era facile, ma questo vuol dire accorciare i tempi, 30 giorni e non 60: significa il testo in aula il 22 giugno prossimo. Come Lega abbiamo sempre avuto le idee ben chiare. Sicuramente non sarà semplice affatto. In questi 30 giorni in Commissione maggioranza e opposizione potranno lavorare sul testo; come Lega abbiamo intenzione di migliorarne la base. Insomma, il primo passo è superato e sono convinto che nel più breve tempo possibile, entro il 15 luglio, i piemontesi avranno una nuova legge per quanto riguarda il gioco legale: sarà una norma per ridare dignità a un mondo che è stato demonizzato, è stato maltrattato e oggi merita rispetto e una legge regionale vera».

Il consigliere del M5s Ivano Martinetti promette battaglia: «Lega e centrodestra si mettano il cuore in pace, ci opporremo in ogni modo anche a questo nuovo tentativo teso a smantellare la buona legge regionale 9 del 2016 contro l’azzardo patologico. Siamo pronti alla trincea nel Consiglio regionale del Piemonte. È un impegno morale che assumiamo nei confronti delle migliaia di famiglie che, grazie a questa legge, sono uscite dal terribile tunnel delle azzardopatie».

Marcello Pasquero