Nuovi servizi sul portale ilpiemontetivaccina.it

VACCINAZIONI Dal pomeriggio di oggi, 10 maggio, la Regione Piemonte ha attivato una nuova area sul portale ilpiemontetivaccina.it. Lo ha spiegato l’assessore alla Salute Luigi Icardi, insieme ai tecnici regionali. Il sito è lo strumento attraverso il quale i cittadini rientranti nelle categorie per i quali è già stata attivata la campagna vaccinale possono effettuare la preadesione, dai settantenni ai cinquantenni, passando per i pazienti fragili dai 16 ai 59 anni. «Dal momento che oggi abbiamo più sicurezza sulla consegna delle dosi, riusciamo a rendere noti a chi si prenota una serie di aspetti», ha detto Icardi. In sostanza, dopo aver effettuato l’accesso sul portale tramite codice fiscale e tessera sanitaria, ciascun cittadino piemontese potrà entrare nella nuova Area personale. A chi ha già completato entrambe le dosi, verranno indicate le avvenute somministrazioni e i lotti ricevuti, con la tipologia di vaccino. Dal 17 maggio, si potrà scaricare anche il certificato vaccinale, che non va però confuso con il green pass previsto dall’ultimo decreto Draghi, per le quali le Regioni sono ancora in attesa di avere dettagli. Per chi invece ha effettuato la preadesione e il cui percorso è ancora in corso, sarà indicata la data della prima dose, se è ancora da ricevere, o della seconda dose. Oltre alla data, ci saranno dettagli anche sul luogo nel quale verranno effettuate le somministrazioni.

«L’unica eccezione è rappresentata da chi è paziente di uno dei mille medici piemontesi che si sono messi a disposizione come vaccinatori, nei loro studi o in sedi di medicina di gruppo. In questi casi, dal momento che il calendario di appuntamenti è gestito dagli stessi medici, sul portale verrà indicato che la procedura è stata presa in carico, ma non i dettagli sugli appuntamenti», hanno precisato dalla Regione. Da considerare anche lo scenario di chi ha effettuato la preadesione, ma non ha ancora ricevuto la notifica con la data e il luogo della vaccinazione. In questo caso, tramite algoritmo, il portale indicherà la presunta finestra temporale nel quale si riceverà il vaccino. Il sistema di calcolo tiene conto di una serie di variabili, a partire dalla disponibilità delle dosi. Tutte queste informazioni saranno disponibili entro circa 24 ore dalla preadesione, il tempo necessario perché il portale prenda in carico ogni caso.

Tra le novità annunciate da Icardi, c’è anche un’agevolazione per quanto riguarda l’utilizzo dei mezzi pubblici per chi si sposta per ricevere il vaccino: «Per il tragitto dalla propria casa al centro di somministrazione, ospedale o studio medico, la corsa sui mezzi pubblici sarà gratuita. Per il treno e per gli autobus, in tutto il Piemonte, sarà semplicemente necessario mostrare la notifica dell’appuntamento nel momento in cui si sale sul mezzo».