Pollenzo, restauri alla cupola della Madonnina

Restauri alla cupola della Madonnina

POLLENZO L’intervento di sistemazione della cupola della chiesa della Madonnina di Pollenzo costa 73mila euro. Di questi, ben 65mila sono arrivati nelle casse comunali grazie al contributo che è stato concesso dalla Compagnia di San Paolo. Il progetto – redatto dall’architetto Ivana Boglietti, professionista specializzata in restauri, che si è spesso occupata di questo edificio – prevede che si intervenga sulla copertura dell’immobile che, ormai inutilizzato, rischia di andare completamente in degrado.

La seicentesca chiesa di Santa Maria del miglio – meglio conosciuta come chiesa della Madonnina, già sede della confraternita dei disciplinanti di San Bernardino – è di proprietà della parrocchia di San Vittore, che ha sottoscritto con il Comune un contratto di comodato d’uso gratuito quarantennale.

Commenta Livio Astegiano, consigliere comunale con delega a quartieri, frazioni e periferie: «Grazie alla manodopera dei frazionisti e al Comune che ci ha sempre fornito i materiali necessari per la manutenzione ordinaria, abbiamo più volte ripulito l’interno, spesso visitato anche da bande di ragazzi che riuscivano a intrufolarsi dentro l’edificio, a volte accendendo anche il fuoco».

Aggiunge l’assessore comunale al patrimonio Luciano Messa: «L’interno della chiesa sconsacrata è un cantiere aperto. Ma se non si interviene sul tetto, e in particolare sulla cupola, rischiamo di far peggiorare le cose. Allora abbiamo provato a bussare alle porte della Compagnia di San Paolo, che si è subito dimostrata sensibile alla nostra richiesta, finanziandoci con 65mila euro. Adesso dovremo indire una gara d’appalto, per individuare la ditta che si occupi di fare questo intervento».

Poi conclude: «Sappiamo che c’è molto interesse, verso questo immobile, da parte di Slow Food e dell’Università pollentina, che vorrebbero realizzare al suo interno una biblioteca (accessibile a tutti) oppure un centro di documentazione della ricchissima storia di Pollenzo».

v.m.

Banner Gazzetta d'Alba