Rinviato il referendum costituzionale ma non c’è ancora la nuova data

 1

ROMA «Abbiamo deliberato di rinviare il  referendum. Bisognava fare chiarezza. Non c’è ancora una nuova data, è un rinvio tecnicamente “sine die”». Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a palazzo Chigi.

«Il Governo ha ritenuto opportuno rivedere la decisione circa la data del referendum che era stata fissata prima dell’emergenza sanitaria, allo scopo di assicurare a tutti i soggetti politici una campagna elettorale efficace e ai cittadini un’informazione adeguata»: spiega il ministro per i rapporti con il Parlamento Federico D’Incà che aggiunge: «Le procedure referendarie si sospendono e saranno rinnovate quando sarà fissata una nuova data per il referendum. La legge ci consente, entro il 23 marzo, di fissare la nuova data scegliendo una domenica compresa tra il 50 ed il 70 giorno successivo all’indizione».

Molto probabile che il referendum venga spostato nelle seconda metà di  maggio, assieme a regionali e amministrativa, di cui non si è ancora fissata la data.

Banner Gazzetta d'Alba