Quasi 800 firme su change.org contro il circo con animali di Viviana Orfei a Piobesi

Quasi 800 firme su change.org contro il circo con animali di Viviana Orfei a Piobesi

PIOBESI Sono quasi 800 le firme già raccolte sulla piattaforma Change.org dalla petizione promossa da Paolo Sacchero contro il passaggio del circo Millennium di Viviana Orfei a Piobesi.

Sul sito, punto di riferimento per petizioni e raccolta di firme si legge: «Da venerdì 14 a lunedì 17 aprile il Comune di Piobesi d’Alba ospiterà il Circo Millenium di Viviana Orfei, che tra le varie attrazioni utilizza diversi animali in via di estinzione. Chiediamo al comune di Piobesi d’Alba di annullare gli spettacoli del Circo Millennium poiché in questo evento verranno utilizzati animali allevati in cattività e di sostituirlo con attività di giocolieri e saltimbanchi»

Nella petizione rivolta al sindaco Mario Rinarelli si spiega: «Noi pensiamo che tutti gli animali debbano essere considerati e tutelati secondo la loro specie: quelli utilizzati nei circhi sono quasi sempre in via d’estinzione e soggetti a traffici illegali di cuccioli, costretti a vivere in gabbie in aree climatiche non adatte alla loro esistenza. Gli animali non si divertono a fare le esibizioni a cui vengono costretti ma soprattutto è diseducativo per i bambini che assistono: tigri, leoni e orsi non sono delle attrazioni ma degli esseri da rispettare e amare. Il  compito delle istituzioni e delle famiglie è di insegnare ai più piccoli a rispettate tutti gli esseri viventi: vederli come fenomeni da baraccone non è certo il miglior modo per inculcare questo importante valore».

La petizione in poche ore è divenuta virale e non è escluso che possano esserci degli sviluppi nella vicenda.

Amici di zampa si schiera contro il circo con animali

Anche l’associazione Amici di zampa onlus, di cui Paolo Sacchero è membro,  ha preso posizione ufficiale contro la sosta a Piobesi del circo Millennium di Viviana Orfei richiamando a un maggior rispetto degli animali tutte le istituzioni, dal Comune alle scuole. «Riteniamo grave permettere alle scuole locali di distribuire agli studenti sconti per il circo: ai bambini bisogna insegnare il rispetto per gli animali e non il loro sfruttamento», scrivono gli Amici di zampa. «Pensiamo forse che i nostri figli ci chiederebbero di portarli al circo se sapessero la verità che si nasconde dietro quei tendoni? In una società che si definisce educante, condurre bambini davanti ad una simile tortura legalizzata è equivalente ad un’autodenuncia cosciente…. Speriamo in una presa di coscienza che porti alla scelta di non recarsi più al circo perché ci renderebbe complici della violenza fatta a questi esseri innocenti finanziando quest’attività a dir poco vergognosa! Ricordiamoci che se nessuno comprasse i biglietti il circo non esisterebbe quindi siamo già complici. Chiediamo quindi al Comune e all’Amministrazione comunale di non ospitare piu il circo “con animali”».

 

Banner Gazzetta d'Alba