Grande successo per il connubio tra Puglia e Piemonte in salsa Bocuse d’or

La Puglia in Piemonte: grande successo per il connubio tra le due Regioni unite  Bocuse d’or

ALBA La regione Puglia è stata protagonista l’8 giugno, a Roddi e ad Alba, di un evento che ha presentato a giornalisti, istituzioni e al pubblico di Langhe e Roero le sue eccellenze enogastronomiche.La Puglia in Piemonte: grande successo per il connubio tra le due Regioni unite Bocuse d’or

«La Puglia in Piemonte» è stata introdotta, alle 13.30, nella cucina della Scuola internazionale del tartufo Bianco d’Alba “Terra”, al castello di Roddi di fronte ad una trentina di giornalisti di stampa nazionale e locale.

Quattro chef, due pugliesi trapiantati in Piemonte Pasquale Laera de Il Boscareto resort e Damiano Nigro del relais Villa D’Amelia, e due Piemontesi doc, Michelangelo Mammoliti  de La Madernassa e Gabriele Boffa del Relais Sant’Uffizio, hanno interpretato la Puglia a tavola, con uno show cooking “Legami”, con la partecipazione di alcuni produttori tipici pugliesi, i quali hanno raccontato i loro prodotti agli ospiti.

In seguito, giornalisti e chef si sono spostati ad Alba, a Palazzo mostre e congressi, dove il candidato italiano alla selezione europea del Bocuse d’Or, il pugliese Martino Ruggieri, svolge i suoi allenamenti in vista della finale di Torino.

Alle 16.30 l’evento ha aperto le porte al pubblico con il talk show al quale hanno partecipato, insieme alle istituzioni piemontesi (tra cui Antonella Parigi, assessore alla cultura e al turismo della Regione Piemonte), i quattro chef con Enrico Crippa, presidente dell’Accademia Bocuse d’or Italia. In rappresentanza delle istituzioni pugliesi, il video-messaggio di Giuseppe Pastore, dirigente della Sezione internazionalizzazione, dipartimento Sviluppo economico innovazione istruzione, formazione e lavoro della Regione.

La Puglia in Piemonte: grande successo per il connubio tra le due Regioni unite Bocuse d’or 1

A conclusione del confronto tra enogastronomia e turismo tra le due regioni, unite sotto il segno di Martino Ruggieri, aperitivo con i produttori tipici presenti, i quali hanno offerto al pubblico albese assaggi di vino, olio, pasta, prodotti caseari, salumi e molto altro.

«Crediamo fortemente nell’Accademia Bocuse d’or Italia e vogliamo che sia sempre più un luogo di studio e confronto sull’alta cucina e sulla cultura enogastronomica a livello nazionale»,  dichiara Antonella Parigi, assessore alla cultura e al turismo della regione Piemonte. «Questo evento va esattamente in questa direzione, mettendo a confronto due importanti territori e promuovendo il forte valore culturale che, in Piemonte come in Puglia, caratterizza non solo l’enogastronomia, ma anche altri settori come il paesaggio, che proprio nell’area dove ha sede l’Accademia è patrimonio Unesco, e l’artigianato. Il nostro impegno a fianco dell’Accademia prosegue, perché diventi un punto di riferimento ben oltre i confini regionali e lasci un segno importante del lavoro fatto per ospitare le selezioni europee del Bocuse d’Or, previste l’11 e 12 giugno a Torino».

Banner Gazzetta d'Alba