Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Ragazzi feriti dai “botti” di Capodanno: un denunciato

Immagine di repertorio

Un operaio di 38 anni è stato denunciato dai carabinieri per il caso dei ragazzi di 10 e 12 anni che ieri, a Nole (Torino), sono rimasti gravemente feriti mentre cercavano di accendere un “botto”. L’uomo, che abita nel paese, secondo quanto è stato accertato dall’Arma la notte di Capodanno aveva posizionato in strada numerose “cipolle”, una delle quali, inesplosa, è stata maneggiata dai ragazzini.

I due minori sono stati operati la scorsa notte all’ospedale Cto. Il più grande ha perso le prime quattro dita della mano destra, mentre al secondo i medici sono riusciti a ricostruire le prime dita della mano destra. Ad entrambi lo scoppio ha causato anche ferite a braccia e gambe.

Ansa