L’edizione numero 14 del Rally di Alba sarà all’inizio di agosto

Immagine d'archivio
Immagine d'archivio

AUTOMOBILISMO «È una sfida tutta nuova ma la accettiamo di buon grado», dice Bruno Montanaro, presidente dell’associazione sportiva Cinzano rally team nel confermare che l’edizione numero 14 del Rally di Alba è in calendario per sabato 1 e domenica 2 agosto, periodo in cui, se le norme non cambiano, sarà di nuovo possibile promuovere manifestazioni sportive.

Il nuovo calendario sportivo per il 2020 verrà presentato a giorni da Aci sport e comprenderà anche la prova albese, valida per il campionato italiano Wrc.

«Siamo al lavoro sull’edizione 2020 da gennaio, rallentando il ritmo durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria, ma senza mai fermarci. Ora ricominciamo da dove c’eravamo lasciati. Il mondo è cambiato, non la nostra passione», spiega Montanaro.

Per le gare che si svolgeranno nel 2020 Aci sport ha illustrato alcune norme agli organizzatori nel corso di una videoconferenza, disponendo prove più brevi e con elevate misure di sicurezza destinate a tutelare la salute dei partecipanti.

«C’è voglia di rally, come ci stanno dimostrando i tanti contatti ricevuti in questi giorni da parte di piloti, preparatori e ufficiali di gara. Crediamo ci siano ottime possibilità di organizzare il rally nella data prevista sin dall’inizio dell’anno», dice Gil Calleri del Cinzano rally team. «C’è anche una cauta apertura da parte dei Comuni, della Provincia, della Prefettura e della Questura, che non escludono la possibilità di fare la gara, compatibilmente con le norme sul contagio. Al momento, solo una nuova esplosione del coronavirus può cambiare le cose», prosegue Calleri.

Il programma di gara prevede verifiche, ricognizioni e shakedown al sabato, mentre la corsa sarà tutta nella giornata di domenica 2 agosto, con partenza al mattino da Alba, disputa di tre prove speciali da ripetere tre volte ciascuna sulle strade di Langa e arrivo in città al calare della sera. I piloti in gara si confronteranno lungo circa 100 chilometri di prove cronometrate.

Giulio Segino

Banner Gazzetta d'Alba