Coronavirus in Piemonte: contagi in lieve calo nell’ultima settimana

Coronavirus, Canale: il comune ha emesso quattro ordinanze restrittive in vigore da oggi

TORINO «Nell’ultima settimana i contagi da Covid in Piemonte sono leggermente diminuiti, ma va tenuto presente che la settimana precedente registrava ancora gli effetti del rientro dalle vacanze. Si conferma l’inversione di tendenza nella proporzione fra le età dei contagiati con la crescita di giovani e giovanissimi, e in quella fra sintomatici e asintomatici, con il calo dei sintomatici». Così il presidente della Regione, Alberto Cirio, facendo il punto sull’epidemia in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico.

Ora il 57% dei casi ha tra i 15 e i 44 anni, contro il 15% delle prime settimane. Gli over 65 che erano oltre il 50% dei contagiati sono il 12%, e gli over 85 che superavano il 23% dei casi si fermano al 3%. Ma ci sono stati, ha rimarcato, 24 casi sotto i due anni di età, 20 casi tra i tre e i cinque anni, 33 dai 6 ai 10 anni, 31 nella fascia 11-14 anni e 353 in quella 15-24 anni.

I sintomatici, che a inizio pandemia erano il 70% dei contagiati, ora sono il 30%. Di conseguenza sono saliti dal 30% al 70% gli asintomatici. Inoltre nella fase acuta i ricoveri erano 3.200 al giorno con punte fino a 3.500, oggi sono circa 100. Nelle terapie intensive si è passati da una media di 370 persone al giorno a circa 5. E i posti messi a disposizione sono raddoppiati in terapia intensiva e triplicati nella subintensiva, passando rispettivamente da 287 a 586 (+104%) e da 135 a 517 (+282%).

L’assessore alla sanità Luigi Icardi ha spiegato che «la sanità del Piemonte ha fatto moltissimo ed è pronta ad affrontare l’autunno a testa alta».

Banner Gazzetta d'Alba