Mussotto: cent’anni di parrocchia ricordati con una Messa solenne

CENTENARIO Domenica 6 settembre, alle 11, la solenne Eucaristia presieduta dal vescovo Marco Brunetti inaugurerà le celebrazioni per il centenario della parrocchia del Mussotto. Da lunedì 7 a giovedì 10 si terranno, ogni sera alle 20.30, momenti di celebrazione che si propongono come occasione per ricordare la storia della parrocchia e dell’importante ruolo, anche sociale, interpretato nel corso della sua storia.

Mussotto: cent’anni di parrocchia ricordati con una Messa solenne

Come ricordano gli scritti di Giulio Parusso, la chiesa Natività di Maria santissima viene eretta in parrocchia il 10 settembre 1920. La sua storia si intreccia con le radicali trasformazioni che interessano Mussotto e con la costruzione della nuova chiesa della Trasfigurazione, aperta nel 2009, e la conseguente acquisizione del titolo di santuario mariano per la vecchia struttura.

La parrocchia, retta dal 2000 da don Franco Gallo, ripercorrerà 100 anni di storia religiosa e civile attraverso una mostra, che sarà allestita nel santuario a novembre. Il lavoro di documentazione, svolto con grande rigore, sta coinvolgendo tante famiglie della frazione e non manca di testimoniare in favore delle tante iniziative promosse da un’istituzione che continua a operare in amicizia e collaborazione con le realtà mussottesi.

Mussotto: cent’anni di parrocchia ricordati con una Messa solenne 1
Don Franco Gallo, parroco di Mussotto

Protagonisti della vita della parrocchia sono i catechisti e il gruppo liturgico ma anche le tante associazioni di volontari costituitesi negli anni. È il caso del Gruppo missionario di solidarietà, nato nel 1989, che con la vendita di lavori di cucito e ricamo raccoglie fondi per progetti missionari, per la Caritas e il Banco alimentare.

Presenza storica è quella del circolo Acli, che dal 1964 si impegna a creare occasioni di incontro e ritrovo, tra cui la festa patronale e il Carnevale. Il Cam, l’associazione Marta e Maria, la corale Intonando, la scuola dell’infanzia, la comunità alloggio Alberto Abrate, Casa Pina e il Comitato di Quartiere sono solo alcuni dei soggetti che quotidianamente dialogano e si confrontano con la parrocchia e che non mancheranno in questi giorni di omaggiarne la storia.

Alessio Degiorgis

Banner Gazzetta d'Alba