Alba: a Parigi la nomina ufficiale di Creative city Unesco per la gastronomia

Alba: a Parigi la nomina ufficiale di Creative city Unesco per la gastronomia

ALBA Venerdì 3 novembre, nel Palazzo Unesco di Parigi Alba, è stata proclamata ufficialmente Città creativa per la gastronomia Unesco.

L’evento “CreativItaly 2017: Italy’s candidatures to the Unesco Creative Cities Network” è stato dedicato alle sei città italiane che hanno presentato quest’anno la candidatura  per entrare nella rete delle città creative dell’Unesco: Alba per la gastronomia, Milano per la letteratura, Pesaro  e Genova per la musica, Carrara ed Alghero per l’artigianato e l’arte popolare.

Ad entrare nel Network sono state Milano, Alba, Pesaro e Carrara.

Presentata una sintesi della mostra “De Truffle”.

Per Alba erano presenti il sindaco Maurizio Marello e l’assessore alla cultura ed al turismo Fabio Tripaldi, insieme al presidente dell’Ente fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba Liliana Allena, al presidente del Centro nazionale studi tartufo Antonio Degiacomi, al direttore dell’Ente turismo Alba Bra Langhe Roero Mauro Carbone e aAnnalisa Ricciardi, insieme a  Angelo Boscarino e Elena Federica Marini della Bia  Srl, la società che ha curato il dossier della candidatura di Alba.

I rappresentanti hanno  portato a Parigi una sintesi  della mostra “De Truffle: Il design incontra il Tartufo Bianco d’Alba” ed hanno presentato tre specialità culinarie in un buffet tutto italiano preparato dal vincitore della selezione italiana del Bocuse d’Or Martino Ruggieri, affiancato dal direttore dell’Accademia Bocuse d’Or Italia Luciano Tona.

L’orgoglio del sindaco Marello.

«I nostri paesaggi vitivinicoli sono patrimonio Unesco dal giugno 2014» ricorda il Sindaco Maurizio Marello, che aggiunge: «L’inserimento di Alba nella rete mondiale delle 19 città creative per la gastronomia ci riempie di orgoglio e ci responsabilizza. Siamo consapevoli che è solo un punto di partenza, perciò abbiamo già nuovi progetti che intendiamo mettere in campo. Progetti legati al tema della sostenibilità, alla qualità ambientale e all’educazione alimentare, come punto di partenza per costruire delle buone relazioni con le altre città creative italiane e del mondo».

Banner Gazzetta d'Alba