Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Pronta la Via crucis in legno e terracotta

COSSANO BELBO È stata benedetta da don Filippo Torterolo e da don Luca Bravo la nuova Via crucis realizzata sulla collina del santuario della Madonna della Rovere. Nato da un’idea del sindaco Mauro Noè, appassionato delle tradizioni tirolesi, il percorso religioso è composto da quattordici stazioni in terracotta incastonate in casette di legno rifinite da un falegname della Valle Aurina (Bolzano), e installate sulla strada comunale che dal ponte di San Pietro porta a Mango. L’intervento è stato realizzato grazie alla sponsorizzazione di aziende e privati: il fabbro Piero Tortoroglio, la cooperativa carni Vallebelbo con il presidente Lorenzo Boffa e l’Enolmeccanica Vallebelbo di Mario Bosca e Morena Efflandrin.

Il sindaco ha promesso ai borghigiani della Rovere di cercare altri sponsor per il rifacimento del manto stradale verso il santuario e per la sistemazione degli affreschi che adornano la suggestiva cappella campestre.

Fabio Gallina