Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Sonia Dogliotti: si attende ancora il nulla osta per il rientro della salma

Non sono ancora stati fissati i funerali della 39enne di Castiglione Tinella Sonia Dogliotti, vittima di un incidente stradale domenica nel tardo pomeriggio sulla statale 20 del Col di Tenda, poco prima di Breil sur Roya. Appassionata centaura, di ritorno del sud della Francia era a bordo della sua Ducati quando si sarebbe scontrata contro un’auto che viaggiava in senso opposto, nel tentativo di evitare altri una coppia di motociclisti caduti poco prima, rimasti feriti.

Come aveva spiegato il sindaco del paese Bruno Penna, la tragedia è tornata ad accanirsi su una famiglia che già aveva perso Massimo, fratello di Sonia, in un incidente in vigna, schiacciato dal trattore alcuni fa, e, Roberto, il cugino della donna, in un incidente in moto.

La vittima lascia il papà, Pier Franco, titolare dell’azienda vinicola in cui anche Sonia lavorava, la mamma Anna Maria e le sorelle Jessica e Monica. La famiglia è molto nota nel settore vitivinicolo: Sonia era la nipote di Romano Dogliotti, presidente del Consorzio dell’Asti Docg.

La salma della giovane è stata composta all’Istituto di Medicina Legale di Nizza e si attende il disbrigo delle pratiche del caso per il trasferimento.

Per mercoledì sera a Castiglione Tinella era in programma la presentazione del parco panoramico – letterario “Versi in vigna”, che è stata rimandata in segno di lutto a data da definirsi.

A.R.