Nuova linfa per i Cavalieri del Roero durante la vija’ di Natale

Nuova linfa per i Cavalieri del Roero durante la vija’ di Natale 4

SOMMARIVA PERNO La tradizionale Vijà ‘d Natal dell’Ordine dei cavalieri del Roero, svoltasi il 15 dicembre, è stata più ricca del solito di eventi ed emozioni. A renderne ancor più gradevole l’atmosfera, già particolarmente intensa e calda di suggestioni natalizie, ha contribuito l’ambiente del Roero park hotel di Sommariva Perno dove la regìa del cortesissimo direttore Adel Karoui, ha mobilitato per tutta la serata uno staff di ottimo livello e di altrettanto amabile disponibilità.

Premi di fedeltà alle Bande Musicali        

Nell’accogliente sala convegni, il rituale ascolto degli inni d’Europa, d’Italia e del Roero ha introdotto il benvenuto e gli auguri del gran maestro Carlo Rista che ha annunciato una simpatica novità: la premiazione dei bandisti più assidui e fedeli segnalati da ciascuna banda musicale del Roero. «Nel momento in cui tutte le formazioni filarmoniche sottolineano qualche difficoltà nel tenere vivo e costante l’impegno di volontariato dei soci, soprattutto più giovani – ha detto Rista – vogliamo lanciare questo segnale di concreto incoraggiamento. Le tradizionali bande popolari dei nostri paesi sono, infatti, una risorsa preziosa da difendere e sostenere».

Sono stati quindi consegnati i premi in diploma e denaro ai seguenti musicisti:

  • Agostino (Gino) Aprile,  Filarmonica santa Cecilia, Canale;
  • Gabriele Baracco, Banda musicale di Govone;
  • Davide e Michele Bianco, Banda musicale la maglianese, Magliano Alfieri;
  • Carlo Bonello, Banda musicale l’alpina, Corneliano d’Alba;
  • Raffaele Calorio, Banda musicale la montatese, Montà;
  • Elisa Cane, Banda musicale Giuseppe Verdi, Sommariva del Bosco;
  • Cielo Oblitas, Filarmonica santa Cecilia, Sant’Antonino di Susa;
  • Davide Pezzuto, Banda musicale la paesana, Vezza d’Alba.

Nuove investiture

La sala, gremita di cavalieri veterani e di un folto gruppo di richiedenti l’adesione all’Ordine, attendeva il momento clou della serata: la solenne cerimonia delle nuove investiture. Perciò il Gran maestro si è rivolto ai neofiti per tratteggiare la vita e le attività dell’associazione e i principi generali dello Statuto. Ha poi ricordato, non senza generale commozione, i cavalieri deceduti nel corso dell’anno.

La cerimonia si è snodata solenne e senza eccessivi orpelli com’è nella tradizione dell’associazione; ma con una sorprendente novità: per la prima volta l’accettazione delle donne nell’Ordine come deliberato nell’ultima assemblea annuale.

Invitato ciascun aspirante cavaliere a presentarsi al cospetto del Consiglio reggente, il Gran maestro, esprimendogli il più caloroso benvenuto, ne ha tracciato un sintetico profilo professionale, gli ha imposto il collare e consegnato le altre insegne. La firma del nuovo adepto sull’apposito registro ha siglato la sua adesione incondizionata allo Statuto ed ha così sancito la sua appartenenza all’Ordine.

Ecco l’elenco dei nuovi Cavalieri del Roero in ordine alfabetico, ma con precedenza alle donne, come cavalleria impone:

  • Luciana Cantamessa, storica ristoratrice dell’Ordine, Canove di Govone;
  • Franca Biglio, sindaco di Marsaglia, presidente Associazione piccoli comuni d’Italia;
  • Monica Chiabrando, architetto, Govone;
  • Gorgo Patrizia, avvocato, Racconigi;
  • Elena Vassallo, impiegata agenzia turistica, Racconigi;
  • Mattia Artusio, imprenditore,  Guarene;
  • Silvio Barbero, vicepresidente Slowfood, Bra Pollenzo;
  • Marco Calgaro, primario chirurgia ospedale Alba, Torino;
  • Pier Paolo Carini, Ceo Gruppo Egea, Alba;
  • Giuseppe Fassino, imprenditore agricolo, Monteu Roero;
  • Carlo Ferrero, imprenditore agricolo, Monteu Roero;
  • Michele Gai, geometra, Vinovo;
  • Vittorio Gallo, dentista, Sommariva Perno;
  • Adel Karoui, direttore Roero Park Hotel, Ceo di Elsa Gest, Sommariva Perno;
  • Fabrizio Massarone, funzionario comunale, direttore bande musicali di Magliano Alfieri e Govone, Govone;
  • Luigi Minasso, dottore commercialista, Alba;
  • Flavio Molino, imprenditore agricolo, Mussotto d’Alba;
  • Daniele Occhetto, imprenditore agricolo, presidente Consorzio Pera Madernassa;
  • Pietro Ratti, titolare Casa Vinicola Renato Ratti, La Morra;
  • Paolo Rota, dottore commercialista, Torino;
  • Armando Verrua, onoranze funebri, Bra.

Nuovi cavalieri honoris causa:

  • Giacomo Conte, Capitano Comandante Compagnia Carabinieri di Alba;
  • Angelo Cortellessa, Maresciallo Capo Comandante Stazione Carabinieri di Canale;
  • Andrea Tacchella, ingegnere responsabile Santuario N.S. della Guardia di Genova, Casella (Ge).

Riceveranno l’investitura durante l’annuale festa di primavera i neofiti, assenti loro malgrado:

  • Dranzon Bullio, imprenditore edile;
  • Beppe Fissore, imprenditore, pilota aerei e elicotteri;
  • Edo Boldrin, Priore Confraternita del Bavarolo di Rovigo;
  • Lorenzo Liviero, presidente BCC di Rovigo.

La Vijà

Nella raffinata sala del medesimo hotel si è quindi svolto il tradizionale cenone che, fin dai primi istanti, in un’avvolgente atmosfera natalizia, si è connotato come un’autentica Vijà, ricca di suggestioni canore, musicali, poetiche a cura soprattutto del cavaliere e cantante Piero Montanaro coadiuvato per le poesie da Dante Faccenda. Momento magico, al lume di duecento candele, il canto del celebre Stille night, nel duecentesimo anniversario di quel famoso canto di Gruber e che per noi suona come Astro del ciel.

Banner Gazzetta d'Alba