Il vigile-musicista con l’hobby della scrittura

Il vigile-musicista con l’hobby della scrittura

CANALE Giorgio Vezza, agente di Polizia locale, in servizio nel Comune di Canale, è per passione un artista poliedrico, amante fin da bambino della scrittura e della musica, che rappresentano per lui l’elemento più importante della vita. «Fin dall’età di otto anni sono stato attratto dalla musica. Mi esprimo suonando la tastiera e spaziando tra vari generi musicali. Mi sento molto a mio agio in occasione di serate di intrattenimento pianistico in qualche ristorante della zona: attraverso le colonne sonore, la musica classica e quella leggera riesco a suscitare ricordi tra il pubblico», spiega Vezza. Sono notevoli anche le sue doti canore, che lo hanno portato a partecipare a vari concorsi, tra cui il Nastro d’argento a San Damiano. Le sue performance sono molto apprezzate anche a Canale, in occasione del Cantaborgo.

Dal 2007 Giorgio Vezza scopre però una nuova passione: la scrittura. «Quasi inspiegabilmente è esplosa in me una vena poetica, influenzata da fatti recenti, ma anche dallo studio dei classici e dalla modesta esperienza filologica maturata. Scrivo durante il tempo libero, di getto, la prima idea sul cellulare, poi la trasferisco sul Pc per rifiniture e modifiche. Amo il mio lavoro di agente di Polizia locale, ma i miei hobby artistici sono una valvola di sfogo per scaricare lo stress», racconta Vezza.

Sono 119 le sue composizioni, tra poesie e scritti e ogni anno, puntuale, l’8 marzo, un ricordo speciale è sempre rivolto alle donne.

Elena Chiavero

Banner Gazzetta d'Alba